scrivi

Una storia di ClaudiaEsposito

2

Star Wars Reloaded Claudia

#starwars #lavorobenfatto #tecnologia #consapevolezza #comunicazioneeculturedigitali

Pubblicato il 24 ottobre 2016

Finn: Io non sono quello che pensi.

Rey: Finn di che stai parlando?

Finn: Non sono della Resistenza. Non sono un eroe. Sono un assaltatore. Come tutti gli altri, sottratto a una famiglia che mai conoscerò. E educato a fare un’unica cosa.. Ma alla mia prima battaglia ho fatto una scelta. Ho scelto di non uccidere per loro. Sono scappato e ho incontrato te. Tu mi hai guardato come nessun’altra. Mi vergognavo di ciò che ero. Ma ho chiuso con il Primo Ordine. Non tornerò mai indietro. Rey, vieni con me.

Rey: Non andare.

Finn: Prenditi cura di te. Ti prego.

Finn si allontana così da Rey cercando un accordo con i mercanti per poter andarsene e scomparire per sempre.

Abbandona così il castello di Maz Kanata e nel momento in cui sta per imbarcarsi lo raggiunge BB8.

Finn rivolgendosi a BB8 ”Non guardarmi così, sono stanco di dover assistere a massacri ed essere magari io stesso una vittima del Primo Ordine. Tu non li conosci come li conosco io, ci faranno a pezzi!” BB8 si gira verso Rey, facendogli capire che se andrà via la perderà per sempre.

Finn:”Non vuole seguirmi e io devo andare. Addio, amico mio”

Finn sale sull’astronave che lo condurrà verso l’Orlo Esterno, la fascia della galassia più lontana dal nucleo. Assalito dai sensi di colpa Finn pensa a Rey ma la voglia di scappare via, lontano è più forte. Pensa al massacro visto su Jakku, alle violenze fatte agli abitanti del villaggio e soprattutto pensa a quell’impronta di mano rossa, quella scia di sangue rimasta sul suo casco bianco. A distoglierlo dai suoi pensieri è un forte rumore proveniente dall’esterno. “Oh no, sono loro!” Esclama preoccupato. I soldati del Primo Ordine sulla loro navicella stanno attaccando Takodana e il suo pensiero va subito a Rey. Finn rivolgendosi al pilota “Torna indietro, maledizione!” Mercante:”Ehy ragazzo, stai al tuo posto” Finn colpisce il pilota e prende lui stesso il controllo della navicella. Vuole tornare indietro salvare Rey e gli altri. La navicella però viene subito colpita e danneggiata pronta a schiantarsi nella foresta di Takodana. Il caccia cade sul suolo. Un po’ più distante c’è Rey che sta combattendo con Kylo Ren il quale urla “ La ragazza di cui si parla tanto. Voglio il droide dov’è?” Infuriato la scaraventa per terra. Rey ferita alla testa non riesce a reagire. Intanto Finn disteso per terra nella foresta, sentendo la voce di Kylo Ren si gira, riesce a intravedere la spada laser vicina a lui, distante invece da Rey e Kilo Ren. L’afferra, non riesce ad alzarsi è ferito, avverte un dolore alla gamba, così lancia un forte grido, con tutte le sue forze si alza e corre verso Kylo Ren trafiggendolo. Nel frattempo giungono sul luogo Ian Solo e Chewbecca “Figlio mio” grida Ian “Finn, maledizione che cosa hai fatto, è mio figlio” Finn:” Voleva uccidere Rey, è un malvagio” Ian Solo si getta sul corpo del figlio e nel momento in cui gli toglie la maschera, Kylo Ren pronuncia le sue ultime parole “Padre, mi dispiace”. Ian Solo lo stringe forte a se e in lacrime sussurra “ Ti riporto a casa da tua madre, Ben”

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×