scrivi

Una storia di FrancescoPomponio

Questa storia è presente nel magazine Poesie d'amore

MAMIHLAPINATAPAI

la distanza delle anime

732 visualizzazioni

Pubblicato il 06 dicembre 2016 in Poesia

Tags: amore morte

0

Non ci fulminò l’Amore,

da allora è come morire.

Eppure eravamo stesi vicini,

ma ragnatele di nuvole nere

regnavano sui nostri cieli affini.

E nella minima distanza tra noi,

le catene ci spezzavano l’ali

se scappavamo dai nostri mali.

Così, in un sol passo,

i miei sforzi,

i tuoi danni,

annegavano nell’abisso

di chi con l’anima non fa sesso.

I miei occhi ti guardano,

i tuoi nel sonno mi ignorano.

Ed entrambi andiamo al largo:

ove naufragare

non fa rumore;

dove gli uccelli vanno a morire,

consapevoli di non saper più volare.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×