scrivi

Una storia di GiovanniVisone

3

Star Wars Reloaded - Visone

#lavorobenfatto, #tecnologia, #consapevolezza, #Starwars, #comunicazioneeculturedigitali

Pubblicato il 24 ottobre 2016

E se Unkar Plutt si fosse impossessato del droide? Come sarebbe andato a finire l'episodio VII di Star Wars: il Risveglio della Forza? Provo a "costruire" sette minuti del film partendo da una delle quattro slinding doors scelte al corso di comunicazione e culture digitali.

Rey a bordo della sua motocicletta

La giovane e bella Rey si avvia, a bordo della sua motocicletta, verso il mercante di Jakku, Unkar Plutt. Tanta era la voglia di sapere quante porzioni valeva tutto quel rottame trovato nel bel mezzo del deserto ma, una volta arrivata al cospetto del temibile Plutt..

“Questi pezzi valgono…uhm…una mezza porzione”

“L’altra settimana valevano mezza porzione l’uno!”

Parliamo del droide…”

Parliamone…”

Pagherei..”, riprese Plutt versando sul bancone arrugginito una montagna di bustine sigillate ricche di una sostanza di colore scuro, “60 porzioni”.

In realtà il droide non è in vendita”, sussurrò Rey, dopo un po' d'esitazione.

Unkar Plutt cerca di persuadere Rey
Rey guarda BB-8

L'espressione del volto di Rey la diceva però lunga sulla risposta appena data, quindi Plutt volle insistere.."E se te ne offrissi 80 invece?", aggiungendo alla montagna di piccole buste già presenti sul bancone, un'altra manciata di porzioni.

La giovane donna non poteva credeva ai propri occhi. Non aveva mai visto nulla del genere, prima d'ora. Si buttò, senza pensarci più di una volta, su quelle porzioni ma poi guardò BB-8, la sua espressione, il suo umore, il capo chinato, la tristezza che gli era sopraggiunta al solo pensiero di dover lasciare la sua cara amica..

Plutt, a quel punto, attirò con l'inganno la ragazza verso di sè e la portò all'interno di uno scantinato sotterraneo, dove poi venne legata e tenuta prigioniera, mentre un gruppo di schiavi, comandati dal mercante di ferro, catturarono BB-8 e lo portarono via. Poi, ecco arrivare Plutt che si era finalmente sbarazzato della ragazza. Si avvicina al droide e lo spense. Lo aprì e..restò sorpreso alla vista della mappa. Quella mappa che tutti cercavano. Quel frammento di mappa bisognava tenerlo nascosto, e bene.

Millennium Falcon

Decise di lasciare Jakku e andare molto lontano. Per farlo si servì del Millennium Falcon, la navicella più veloce della galassia ma che, come nessun'altro e nient'altro, poteva sfuggiare agli attacchi del Primo Ordine. Infatti, il generale Kylo Ren, assistito da tutti gli assaltatori, registrò l'insolita partenza della navicella che da anni non veniva utilizzata e quindi, parecchio indispettito, ordinò ai suoi uomini di attaccarla subito. La notevole velocità del Millennium Falcon le permetteva di schivare gran parte dei colpi provenienti dal Primo Ordine. Poi un colpo potente quanto preciso distrusse il sistema di pilotaggio e costrinse Plutt ad un prematuro atterraggio ma era già troppo tardi. Ad accoglierlo sulla terraferma migliaia di navicelle, tutte pronte a fare fuoco. Bastò un segnale di Ren e..il Millennium Falcon esplose!

La navicella non esisteva più. Le fiamme si levavano altissime in cielo e la puzza di bruciato arrivò lontanissima. Plutt era morto. Di lui solo il cadavere consumato. Ma soprattutto, BB-8 si era distrutto. La mappa andava in fumo. Adesso, la strada per giungere a Luke Skywalker si faceva sempre più complicata.. In realtà, un modo per arrivare a Luke ci sarebbe. Molti anni addietro è stata prodotta una copia "segreta" del frammento di mappa che il droide custodiva gelosamente. Si trova su Xavj, pianeta della Resistenza.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×