scrivi

Una storia di Salinger23

L'audizione

71 visualizzazioni

Pubblicato il 06 giugno 2018 in Altro

0

Con una fierezza che non le apparteneva varcò la stanza. Sentiva gli occhi addosso, e fissò la sua ombra come a cercare protezione da essa. Aveva caldo e sudava copiosamente, ma forse quella era l'emozione di quella audizione tanto agognata.

Incontrò varie figure abbassando ogni volta lo sguardo, fin quando non trovò due altri occhi con cui condividere il suo stesso disagio.

Luca, era il nome del ragazzo che giocava con lo smartphone seduto su uno sgabello, a cui lei non trovò altra maniera se non guardarlo.

Quel ragazzo non faceva paura ma compagnia alla sua anima solitaria; anche se in cuor suo, mai avrebbe pensato di parlargli. Questo no, non avrebbe mai avuto il coraggio di farlo.

Una smania d'alcol le salì da dentro come una sbracciata sopra un mare in tempesta, ma aveva già bevuto fin troppo per darsi forza, ed era giunta l'ora di far vedere chi veramente lei era.

Chiusa in bagno con una lametta si era martoriata il palmo della mano sinistra, e il bruciore e la vodka della fiaschetta le avevano mosso il giusto ardore. Caracollò così dal bagno, sentendosi ancora gli occhi addosso di tutta la sala, ma non ci fece più caso, adesso non era più la piccola Mary che aveva varcato la stanza solo una mezz'ora prima, ma la sofisticata Lady M.

Luca la osservò calcare la scena come stesse di fronte a qualcosa di alieno, ma lei andò oltre. E si presentò ai giudici sotto una cascata di luci, Accigliata come una star, pronta per il suo monologo.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×