scrivi

Una storia di samanthabenussi

2

Come un ruscello in un'arida distesa

La via di fuga non sempre è scappare, può semplicemente essere qualsivoglia forma d'arte

Pubblicato il 03 marzo 2017

Ho sempre avuto quest'idea malata della scrittura. Un'idea pazza, quasi catastrofica. Ho sempre paragonato la scrittura ad una delle forme d'arte migliore forse della pittura, della fotografia, tutte forme d'arte a noi note.

Ma la scrittura è qualcosa di più, scavate dentro voi stessi, pensate a ciò che essa nasconde. In sé, è un miscuglio di tante emozioni, una sorta di ciclone steso a parole. In essa sono racchiuse la leggiadria e l'accurata ricerca della parola migliore da affibiare.

Questa è la forma d'arte più complessa, cercare un significato dietro ad una metafora, cogliendo il messaggio ma mantenendolo segretamente proprio, senza svelare il significato che ha per sè stessi, perché alla fine ognuno interpreta per sé, per le esperienze vissute da sè stesso ed è questo che la rende speciale quanto è, come forma d'arte: il significato che assume a seconda della persona, della vita di questa e dal suo carattere, dal suo modo di essere.

La scrittura inoltre ha un'altra particolarità che la rende unica nel suo genere: la sincerità nell'esprimere sè stessi e le proprie emozioni, perché chi non vorrebbe l'amore che leggiamo nei libri? I sentimenti vengono stesi quasi naturalmente per uno scrittore, quasi come se la penna fosse la prolunga del braccio o le dita danzino sulla tastiera. Qui non valgono interpretazioni perché come è scritto, così è. Inutile è girarci attorno, questo lo si può fare a parole, descrivendo un quadro, ma non leggendo un libro. Lo scrittore si impegna a descrivere tutto, nei minimi dettagli, soprattutto quando i sentimenti vengono presi in causa, è importanti descrivere ogni emozione, ogni brivido, gli istanti di tensione, il luccichio degli occhi, la luce, il clima, i gesti involontari dell'altro, perché questo è ciò che rende la scrittura, come ogni forma d'arte, affascinante: il dettaglio.

Ora mi rivolgo a te, so che ci sei scrittore, che cerchi qualche spunto.

Se scrivi è perché hai un talento, più o meno sviluppato che sia, la scrittura sarà sempre il tuo rifugio, la tua 'luce in fondo al tunnel', la tua via di fuga, un'oasi sperduta nel deserto, un ruscello in un'arida distesa vuota, incolta.

Ricorda di scrivere sì per te stesso, per soddisfazione personale, ma anche per un pubblico, fai conoscere il tuo talento, dimostra agli altri quanto vali, sfida te stesso a migliorarti, sempre, raggiungi la luce in fondo al tunnel, gettati dentro. Potrai avere paura di fallire, paura perché non saprai cosa c'è dall'altra parte, ma tu provaci, cadi e rialzati più forte di prima, dimostra agli altri che ciò che scrivi non sono temi scolastici, dimostra che sono racconti, romanzi, riflessioni, opinioni, pensieri, tutto scritto con naturalezza e amore, perché l'arte è distinta da spontaneità dei gesti e dall'amore che si metta in ogni tratto, in ogni scatto, in ogni lettera di ogni riga di ogni singola pagina.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×