scrivi

Una storia di Maricapp

2

Strawberry fields forever

Nostalgia alla fragola

Pubblicato il 28 febbraio 2017

Da un tema dato da 20Lines: Fragole

Eravamo alla fine degli anni '60, i Beatles cantavano "campi di fragole all'infinito" ed io avevo vent'anni ed una forte nostalgia, come John Lennon autore della canzone, di quell'infanzia facile ed innocente che se ne era andata per sempre lasciandomi in balia della confusione esistenziale, sentimentale, affettiva e culturale, in preda a troppe idee che mi turbinavano in testa, ad aspirazioni impossibili, a progetti irrealizzabili a quei tempi, affascinata da idee femministe e rivoluzionarie, combattuta tra grandi amori che tali non erano e convinzioni filosofiche che filosofiche né tanto meno convinzioni lo erano mai state.

Campi di fragole all'infinito per tornare fanciulli inconsapevoli, per non combattere con mulini a vento e nemici invisibili, per non sporcarsi e per ritrovare la purezza e la gioia assoluta di una corsa nei prati sotto un sole benevolo.

" Niente é reale e niente per cui stare in attesa" cantavano i Fab Four per riportarmi indietro negli anni, ma la vita continuava imperterrita la sua avanzata verso altri lidi meno assolati e pieni d'insidie.

La Swinging London continuava a cantare, i giovani come me si vestivano di fiori, colori e capelli lunghi senza distinzione di sesso, mio padre fu talmente sconcertato dalla mia prima minigonna che rimase senza parole, ma ne trovo' subito dopo tantissime per commentare i lividi che tentavo disperatamente di nascondere. Lividi procurati dalle zuffe immense con le Forze dell'ordine durante le oceaniche manifestazioni con contorno di bandiere e slogan contro la guerra nel Vietnam.

"Strawberry fields forever" ripetevano George, Paul, Ringo e John celebrando l'addio all'infanzia ed il tuffo a testa in giu' nella giovinezza che era oltre che la loro e la mia, anche quella di un periodo storico caratterizzato da un grande cambiamento mondiale.

I Rolling Stones continuavano imperterriti a seguire la loro scia di sesso droga e rock'n roll, io tentavo invano di imparare a ballare, a leggere Erasmo da Rotterdam, Immanuel Kant, Karl Marx ed altri scrittori semplici e digeribili come i già citati, ma soprattutto a capire i ragazzi che passavano nella mia breve vita piu' veloci di un acuto di Janis Joplin al piu' grande, fantastico e padre di tutti i concerti: Woodstock!

Si', lo ammetto: nonostante la giovinezza, l'inesperienza, la mancanza di logica e l'incapacità assoluta di tenermi stretto quel ragazzo che mi piaceva tanto, i Sixties sono stati i piu' belli, stimolanti, brevi ed indimenticabili Strawberry Fields Forever della mia lunga vita.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×