scrivi

Una storia di Franco.frasca.bhae

1

Don Viçinzinu

Pubblicato il 30 marzo 2017

Le nostre campagne hanno oltre alla straordinaria bellezza del paesaggio anche il raro pregio di essere quasi tutte abitate. I contadini hanno saggiamente mantenuto la tradizione antica di risiedere nelle campagne con le famiglie per tutte le stagioni dell’anno. Vengono in paese solo per le feste o per mandare i propri figli a scuola. Possedere la terra significa anche legarsi indissolubilmente a essa, lavorarla, amarla, rispettarla. In ogni “masseria” accanto alla nuova casa moderna e colorata c’è ancora quella vecchia, con i muri di pietra, con il pergolato sopra la porta, con la piccionaia vicino alle tegole del tetto, forse per ricordarsi dove tutto è cominciato oppure perché chi ci è nato, vissuto e cresciuto i propri figli non desidera altro che morirci dentro. Questa è una mattina di primavera, tiepida e profumata che m’invoglia ad andare a trovare un vecchio amico contadino nella sua casa di campagna.

“ Arà Don Viçinzinu comu ni sientiemu stamatina, vi truovu tantu beddu e culuritu”.

“ Eh frati miu , ‘a vicciania mi futti, stanotti nunn’àju ‘nciusu l’uòcci pî rulura, ciui sugnu stancu e vuogghiu morri , ‘u tiempu quannu veni, veni, ciui mi siddiai buonu, buonu. Nun viru l’ura ri stinnicciarimi ô cantu â bon’armuzza ri ma muggheri, cuannu fu m’ accattai ru’ casciola, ci fici mettiri ‘i valati cu li ‘ritratta ‘i tutti rui, cu li noma, li cugnioma e nti mia manca sulu ‘a data ri la morti. Mi staju pigghiannu l’urtimi spiccia ri suli , mi taliu tutti sti mura ch’aju ‘ccianatu e tutti sti vara ch’aju ‘raputo e tutti sti macci ch’aju çiantatu e tuttu pi nun mi scurdari nenti. Sta cabbedda m’accattai cuarant’anni fa e cuantu terra agghiu ‘mmuvutu,cuantu animali agghiu ‘ddivatu e cuantu alivi e carrui agghiu cugghiutu e câ bon’armuzza ri ma muggheri cuanti sacrifici amu fattu pi tutta na vita. Ora ci spartì ‘a prupità ê ma figghi e ora ‘u masculu è affunciatu cum mia picchì ci resi ‘u vignali rê miennili â ma figghia. Ma nora si ci lamintau picchì râ tirrazza râ sa casa senti ‘u çiauru rê çiura rê miennuli ca nun su suoi e allura pritinnia mirè st’autru piezzu ri tirrinu. Fina a cuannu iu era buonu e çinu ri saluti nuddu ca pipitiava e ora ca sugnu sulu e malatu e mi spugghiai râ prupità, ma figghiu e ma nora e mirè ‘i ma niputieddi nun mi çercunu ciui. Chistu è nu rispiaciri ca nun mi po’ paci, pi cuattru macci ri miennuli persi ‘a famigghia. ‘A bon’armuzza ri Cuncittina mô riçia, viri ca sta nora è priculusa e cô tiempu ti metti contra ta figghiu e ‘i ta niputi e avia ragghiuni ‘i vinniri. E chistu e chiddu finiu a schifiu, iu staju muriennu cu stu cutieddu ‘ntâ vina rô cori, mah ‘u signuri vosi ‘accussì e faciemu ‘a sa vuluntà. Viriti o frati, se vui aviti figghi nun fati ‘a minciata ri spartiri ‘i cosi prima rô tiempu picchì vi finisci comu a mia, lassati strafuttri tutti cosi e cuannu puoi n’ ci siti ciui sâ futtunu iddi. Se vuliti paci e armunia ‘i cosi ci l’atu a fari çiaurari e mai ci l’aviti a ddari prima rô tiempu “.

“ Don Viçinzinu ora mi ni vaju , ni viriemu prussimamentie e vi ringrazziu pi chiddu ca m’ atu ‘nsignatu”.

“Oh fratuzzu a ‘ssiri disfiçili ca m’attruvati ‘a prossima vota picchì aju caputu ca ma figghia mi voli ciurri nti ‘na casa ‘i ripuosu picchì â casa unni aora staju ‘a voli rimintri a nuovu pi sa figghiu ca si spusa, caru miu addivintai ri supierciu a tutti e lu ma tiempu ciù finiu”.

Me ne vado consapevole di avere mentito a Don Viçinzinu. Non tornerò più a trovarlo. Quel “lu ma tiempu ciù finiu” continua a rimbombare nella mia mente. Questa è una tiepida e profumata mattina di primavera ma all’improvviso è come se la bellezza della vita fosse sparita per sempre!

PS= Questo racconto si avvale della preziosa collaborazione di Gianni di Giorgio che ha pazientemente “tradotto” la mia scrittura siciliana molto approssimativa in vero dialetto “modicano”.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×