scrivi

Una storia di heidy

logo sfide intertwine

Questa storia partecipa al contest
La tua figuraccia in inglese

4

Scena imbarazzante al ristorante

Richieste hard, NON volute, al cameriere

Pubblicato il 05 dicembre 2015

Quando ho visto la mail relativa al concorso per un attimo ho pensato allo scherzo di qualche amico che, a conoscenza delle mie innumerevoli figuracce, voleva continuare a ridersela.

Ebbene, il Gennaio scorso, senza saper dire nulla in più che "Thank you", "Sorry" o "I don't understand" decisi che era arrivato il momento di prendere in mano la mia vita e imparare l'inglese.

Ero così decisa che mi licenziai (e farlo in Italia con i tempi che corrono significa esserlo davvero) e fare il biglietto SOLO ANDATA per l' Australia.

Non vi nego che dopo aver fatto le mie 28 ore di viaggio, atterrata a Melbourne, dove non capivo nemmeno YES o NO (che pronunciano YEP e NOPE) ero così abbattuta da pensare di rientrare in Italia il giorno dopo.

Complice stanchezza e testardaggine rimango nella "terra dei canguri" e giorno dopo giorno, tramite Wlingua e i video su Youtube, miglioro e inizio a spiaciccare qualche frase in inglese.

E così passarono sei mesi.

Sei mesi in cui mi sono resa conto ti quanto sia davvero utile poter parlare liberamente con chi vuoi, quando vuoi.

E così, ormai "esperta" deciso di andare con la mia amica in un ristorante nel waterfront di Geelong (che dista ad un'ora da Melbourne) .

Ristorante sito al primo piano con vista nel lungomare e ruota panoramica. Suggestivo e molto curato nei dettagli. Arriva il cameriere, peraltro molto carino, e ci chiede cosa volessimo da bere. La mia amica ordina un bicchiere di vino bianco e io chiedo: " Can I have a cock, please?" (per me una semplice Coca Cola, che gli australiani chiamano Coke).

Ricordo benissimo l'espressione di quel ragazzo. Un mix tra stupore e incredulità. Vi dico solo che non è riuscito a scrivere nulla. Teneva la penna tra le mani e cercava di non ridere, ma si poteva intuire che stava per ridere a crepapelle.

Dopo alcuni secondi mi domanda:" Scusa, cosa vuoi da bere?"

Ed io, che non capivo cosa ci fosse così strano nell'ordinare una lattina di Coca Cola ripeto:" I would like a COCA COLA".

Fu li che imparai che Cock e Coke sono due cose un pò diverse. La prima significa, in maniera volgare "membro maschile" mentre la seconda è il soft-drink che tutti conosciamo.

Da allora ordino la Fanta ;)

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×