scrivi

Una storia di AlessiaScipioni

Questa storia è presente nel magazine Il Codice Fibra

Lo spettacolo è finto di brutto

Sfaldiamo il mito che Tranne te non ha senso, è geniale!

897 visualizzazioni

Pubblicato il 02 febbraio 2018 in Giornalismo

Tags: Controcultura Fibra TranneTe

0

Oh sfaldiamo il mito, perchè Tranne te è talmente geniale che l'hanno capita quattro gatti, in fila per tre, con il resto di uno, magari fossero stati 44 i gatti, eravamo già a buon punto. E' quasi opinione unanime che Tranne te non ha senso e che è solo una canzoncina estiva fatta per vendere. Uhm ne siete certi? Io no! Sarà che dopo tantissimi anni che seguo Sfiber, ho ben imparato che lui non fa niente a caso...ma proprio niente, neanche Tranne te!

Primo appunto: in che album ci troviamo? Controcultura. Cosa s'intende per Controcultura? Tutto quello che va contro, o all'opposto, della cultura dominante.

Bene, quale ritmo è classico di un beat rap? Il più comune è il bum bum cha, quindi si può affermare che, nel rap, il bum bum cha fa parte della cultura dominante. Come è il beat di Tranne te? A cassa dritta! Quindi già la struttura del beat fa controcultura, cioè va contro i canoni, che sono quasi la regola, della scena rap.

Secondo appunto: la canzone l'hanno cantata tutti, ma proprio tutti, grandi e piccini, per questo viene considerata una canzoncina commerciale, specie dalla schiera dei puristi, però c'è da dire che anche molti rapper, anche stranieri e di un certo peso, hanno rappato su Tranne te. Quindi tutti matti? Tutti a rappare su un pezzo che non ha senso e che non è rap secondo molti del pubblico? Quindi, nell'ordine, Marracash, Dargen D'amico, Danti, lo statunitense Redman e il francese Soprano non capiscono un tubo di rap? Soprattutto Redman...lui viene dall'America, è un rapper e fa il produttore discografico, ha collaborato solo con Method Man, uno dei volti del Wu-Tang Clan, che vuoi che ne sappia uno così di rap? Possibile che nessuno si è chiesto: come mai hanno fatto tutti a cazzotti per rapparci sopra se non è rap? La verità è che questo pezzo è stato trattato molto all'italiana, cioè molto alla leggera. Tutti dietro al beat, che non rispecchiava il suono rap, tutti dietro al ritornello, ma mai qualcuno che si soffermi a ragionare, un attimo, sul testo. Mai, questo accade. Eppure, se andiamo su Genius, il sito dove ci sono i testi e le persone possono spiegare, inserendole, le spiegazioni delle rime, Tranne te è l'unica canzone di Fibra che ha spiegazioni fornite da stranieri, ci sono annotazioni in inglese, ragazzi, cioè ci hanno ragionato, molto probabilmente per via della presenza di Redman, gli americani, o comunque stranieri, e non gli italiani. Applausi ragazzi (ironici naturalmente).

Il contributo di un ragazzo straniero a Tranne te.
Il contributo di un ragazzo straniero a Tranne te.

Ragioniamoci insieme. All'inizo c'è una vocina, ripresa da un vecchio pezzo di Neffa, la quale attua con Fibra un botta e risposta. La chiave di lettura dell'intera canzone, e su quale logica girava il testo, è quasi tutta lì, in quella scenetta. Vediamola.

FIBRA: Rap futuristico (vuole fare un rap del futuro, cioè vorrebbe rappresentare come sarà il rap tra qualche anno)

MASSA: Ma cos'è 'sta paranoia? (oh Fibra che palle eh, questi testi impegnati, tutto questo ragionare e impegno per capirli, non siamo abituati a questo, ci fai venire la paranoia!)

FIBRA: Aspetta fammi fare (aspetta dai, il rap non è poi così male, lasciami fare)

MASSA: Dai facci ballare. Lo fanno tutti tranne te (oh Fibra è quasi estate, devi farci ballare, devi farci divertire, hai presente? Macarena, Lampada, Chihuahua, facci ballare che d'estate lo fanno tutti, cioè gli altri cantanti che non sono rapper. E' come se la massa dicesse a Fibra che non può resistere all'estate se non li fa ballare invece che ragionare)

FIBRA: Cosa? (giustamente è incredulo, lui fa il rapper, no canzoni pop o che fanno ballare)

MASSA: Dai, Fibra caccia un po' di Rap futuristico...eccolo, il primo tassello da non dimenticare, la massa chiede a Fibra un tipo di rap spensierato, allegro, divertente, che li faccia ballare, per loro questo deve essere il rap se vuole essere considerato e accettato dalla gente, quindi questo sarà il rap in futuro, perchè chi comanda la moda è la maggioranza (massa), no le minoranze (pubblico rap). Calcolando che Rovazzi è stato considerato dal Giornale.it il miglior rapper italiano, quando non fa rap per niente, con Andiamo a comandare... beh direi che Fibra questa visione futuristica di cosa sarebbe stato il rap, in mano alla massa, l'ha presa in pieno. Ha fatto un po' il veggente, diciamolo.

FIBRA: Ok! (si arrende ma alle sue condizioni, li farà ballare e cantare tutta l'estate, ma il suo sarà un rap futuristico fatto in un certo modo, ora vediamo come).

Anche se tutti ballano tranne te

E il tuo drink sembra quasi un thè

E un motivo sotto sotto c'è

Quando incominciai a ragionare su questa traccia, la prima lampadina si accese pensando a Caparezza e alla sua Vieni a ballare in Puglia. Perchè in quel testo Caparezza usa il verbo ballare al posto di morire e, anche lui, lo fece per rendere apparentemente allegra una hit estiva, che però si portava in sè una bella dose di riflessione. Ho, quindi, incominciato a vedere cosa si nascondesse dietro a quel "ballano" di Fibra. La spiegazione che dà il ragazzo straniero è questa: quando stai fermo perché non vuoi ballare, di solito sorseggi molto lentamente il tuo drink, quindi non avrai bisogno di ballare (perché stai bevendo) e la bevanda sembra un tè, essendo sorseggiato in quel modo. E ci sta tutta, c'è da dirlo, un motivo però sotto sotto c'è, dice Fabri, quindi c'è un movente al tuo stare fermo. Quindi ho pensato che si sta riferendo al fatto che, in discoteca, spesso ci si va per ballare, è vero, ma stai fermo quando magari una canzone non ti piace, quindi non la balli. Però lì ballano tutti, tranne uno...perchè? Perchè, molto probabilmente, Fabri si riferisce a un tizio che non balla una hit solo perchè lo fanno tutti, quindi identifica qualcuno che si stacca dalla classica mentalità del fare le cose solo per moda, un pubblico che non segue le hit soltanto, vogliamo dire che si riferisce al pubblico che ascolta rap, per esempio? Quindi è come se sta dicendo "la balleranno tutti tranne te che ascolti rap, perchè già lo so che ti farà schifo, perchè penserai che non è rap, penserai che è pop (il tuo drink sembra quasi un thè...cioè quello che bevi (ascolti) di solito (il rap) ti sembrerà un thè (il pop), è una metafora.

Tu vuoi lei (tu vuoi lei)

Sì ma lei ha già un marito che

Che ti cerca immagina il perché

Qui arriva il genio. Perchè? Perchè Fabri incomincia a scimmiottare tutti i gusti della massa e parte proprio dalla musica. C'era una canzone, molti anni fa, che ebbe molto successo. Era un brano degli immortali Pooh: la donna del mio amico. Il cui testo, ve ne riporto un pezzo, narrava così:

Sei la donna del mio amico e a qualunque costo, non possiamo fargli questo, non sarebbe giusto; dirti sì, sarebbe facile, ma io no, non posso farcela. Se io fossi in me ti trascinerei qui su questo letto, non ci penserei neanche per un po' ti farei di tutto; mi innamorerei come forse io non ho fatto ancora, ma non è così, noi saremmo noi solo per un'ora. Scappa via, scappa via, scappa via, non mi dare il tempo mai di poter cambiare idea. Non si può, non si può, non non si può scivolarci tra le braccia e guardarci ancora in faccia non si può. No non si può.

Direi che è proprio la situazione che descrive Fabri. E' interessante scoprire perchè lo fa. Sta dando alla massa quello che vuole, abbiamo detto, li sta facendo ballare, ma allo stesso tempo gli scimmiotta davanti i loro gusti, in questo caso, musicali. Parliamoci chiaro, in Italia le canzoni cuore/amore e io/lei/lui vanno alla grande, come vanno alla grande più i vecchi cantanti che i giovani (a parte quelli dei talent, ma quello è un altro discorso). Pensiamo a Sanremo, per esempio, quanti nomi immortali ci sono ogni anno? Tanti, pensa che quest'anno avremo una fetta proprio dei Pooh, in quanto c'è Facchinetti e Fogli (anche lui all'inizio era un componente dei Pooh). Quindi scimmiottando i gusti della massa, Fabri sta dicendo che in Italia, in ambito musicale, oltre ai balli di gruppo (che lui rappresenta con la hit stessa Tranne te), vanno anche i cantanti vecchi e canzoni cuore/amore o la situazione anomala del gioco a tre.

C'è una festa siamo in 103

3 mila e 33, tranne te

Altro cliché italiano, le feste...quanti di voi hanno provato, almeno una volta, a imbucarsi a una festa? Tanti, credo, perchè è un classico, non dite di no! C'è una festa e che fai non ci vai? Sei scemo! Così da 103 invitati, arriviamo a 3mila e 33, il tranne te è lo scemo che è rimasto a casa perchè aspettava l'invito. Succede sempre così, non dite di no, L'amico invitato che porta la sorella, l'amica della sorella, che non poteva lasciare a casa il fidanzato geloso, che non voleva venire, se non ci stava anche l'amico e così via.

D'estate lavorano tutti perché

Tutti lavorano tranne te

Le vacanze...altra fissa italiana, ormai si organizzano le ferie a gennaio per agosto, in Sardegna ve lo dico, se non prenotate una casa intorno a Dicembre non la trovate manco sotto tortura. Il che è assurdo, ma gli italiani fremono per le ferie, le aspettano con ansia. Però che succede d'estate? Una bella fetta di italiani sta a casa e in ferie, poi c'è la fetta di italiani che devono lavorare perchè gli altri stanno in ferie (tutti lavorano tranne te).

Questo pezzo piace a tutti com'è

Che tutti lo cantano tranne te

E' il secondo chiaro riferimento al pubblico che non segue le hit e al pubblico che ascolta rap e che Tranne te gli farà sicuramente schifo, così non vi dimenticate che Sfiber già lo sapeva cosa avreste pensato...in effetti i puristi sono prevedibili come il sorgere del sole ogni giorno.

La vita che sogni è tutta un pacco

Come in tv, Affari Tuoi

E' come la verginità

D'un tratto prima la perdi e poi la rivuoi

Questa è una perletta, perchè Fabri scimmiotta tre cose, altamente amate dalla massa, contemporaneamente: la tv, il sesso e la bella vita, a cui tutti gli italiani aspirano come se gli fosse dovuta. La vita che sogni è quella della contessa, ma il lavoro che troverai è al massimo la commessa...diceva in una vecchia canzone e quella prima frase indica proprio questo concetto. E' inutile che sogni la vita da divo se fai il meccanico, ma soprattutto non è detto che la vita da ricco e famoso sia migliore della tua, pacco infatti indica anche una fregatura. Affari tuoi è il gioco dei pacchi, dove cosa si regala? I soldi, tanti o pochi, a seconda della fortuna. Quindi cosa sta dicendo Fabri? Che nella vita non dipende dalla fortuna (Affari tuoi) quanti soldi farai, o come vivrai, dipende da te e da quello che fai, anche perchè la vita da divo non è alla portata di tutti e nella maggior parte dei casi resta un'illusione (pacco intesa come fregatura, cioè qualcosa che non è come sembra, o inesistente, perchè il pacco a Napoli è quando ti vendono qualcosa che poi nella scatola non c'è). La verginità rappresenta la fretta che hanno, oggi, le ragazze di perderla, perchè le fa sentire più grandi, più donne, poi magari si innamorano veramente e si pentono di averla data via per niente, invece che aspettare il tipo giusto.

Qui c'è la musica e tu non balli

Tu parli parli parli

Easy rider sopra un Harley

Con la maglia di Bob Marley

Altro riferimento al pubblico che non ascolta hit come queste in ambito rap, cosa gli dice Fabri? Che qui c'è una hit rap ma tu non balli, quindi non l'ascolti, ma commenti e critichi (parli, parli). Sembri un Easy rider sopra un Harley con la maglia di Bob Marley...cioè? Easy Rider è un film del 1969 che racconta la storia di due ragazzi che, in totale libertà, attraversano l'America sui loro chopper, quindi ti fai tanti di quei viaggi mentali quando fai questi discorsi, sentendoti libero perchè hai la maglia di Bob Marley, ma in realtà stai più incatenato che mai a livello di musica rap. Stai incatenato alle idee da purista, appunto, non ti evolvi, non capisci i cambi generazionali ecc.

Le mie rime la gente le mima

Dopo tutto sono meglio di prima

Lo spettacolo è finto di brutto

Hanno tutti capito il trucco

Tranne te tranne te

Mazzata finale al pubblico rap...il mio rap è talmente seguito che gli altri rapper mi imitano, perchè, dopo tutto, sono meglio di prima, cioè è maturato nel tempo, artisticamente parlando, nonostante gli dicono che era meglio prima, cioè quando aveva quattro gatti ai live. Lo spettacolo è finto di brutto, hanno tutti capito il trucco tranne te, è a doppio senso: da una parte si riferisce al pubblico di massa e gli dice la tv, lo spettacolo, è finzione, in molti l'hanno capito, tranne te che stai ancora lì a correre dietro alla moda, ai vip, ai programmi facendoti condizionare la vita; dall'altra parte gli sta dicendo, sempre al pubblico di massa, che questo testo, che fa spettacolo perchè è una hit e la canteranno tutti, è diverso da come lo intuiranno e che nel rap lo capiranno tutti, tranne il pubblico purista e quello di massa (tranne te) e, il pubblico di massa, canterà, come ha poi fatto, tutta l'estate una canzone senza capirne il significato e senza capire, soprattutto, che sì, li faccio ballare, ma li prendo anche per i fondelli.

Se tu sei bella e bionda grida ooooooooooooooh

Se tu sei bella e mora grida oooooooooooooh

Se tu sei fidanzata grida ooooooooooooh

Se non sei fidanzata grida oooooooooooh

Va beh devo spiegarla? E' un classico pure qui, anche nei suoi testi è un classico su, ce l'ha con l'apparenza, l'apparire, il fisico che conta più dell'essere; come è un classico anche domandare, quando si conosce una ragazza, se è fidanzata o meno.

Oh oui oui c'est les Medeline

Quasi quasi faccio un rap in francese

Mi fa più elegante, cantante

Tira su le mani se anche tu c'hai l'amante

Medeline spero che non devo spiegarlo eh, comunque cita Medeline che è il produttore del beat di Tranne te, il quale è francese, quindi Fabri gioca di nuovo sull'apparenza e dice: faccio rap in francese, mi fa più elegante, cantante...mi dà un'altra immagine appunto, da sempre la parlata francese è accostata a un modo di parlare raffinato. Vuole mettere in luce quanto basta poco per apparire diverso agli occhi della massa. Tira su le mani se anche tu c'hai l'amante...ho riso mezz'ora, perchè l'Italia è piena di persone che fanno i mariti innamorati e poi hanno le amanti nel cassetto. Anche qui è un mettere in luce quanto l'apparenza inganna.

Nella pista c'è Fibra a palla

E' il mio ragazzo "guarda come balla"

E' chiaro che se piazzi una hit come Tranne te molta gente che non ascoltava rap poi si incuriosisce e inizia ad ascoltare rap. Quindi sta dicendo che grazie a queste hit, che vanno anche in disco, la scena rap ha più visibilità e ascoltatori.

A 12 anni a contare le stelle

A 30 anni a contare le parcelle

E' il corso della vita, a 12 anni sei spensierato e sognatore, a 30 anni devi fare i conti con il costo della vita, devi maturare e lavorare per far fronte alle spese (parcelle). Per questo poi i sogni finiscono un po' nel cassetto.

Nella testa ho mille particelle

Di notte sogno mille porcelle

Nella testa ho molta confusione e di notte sogno donne facili, come ogni italiano aggiungo. Vi faccio notare che ha cambiato passo, non è più proiettato sui gusti della massa, o del pubblico rap, ma sulla sua vita. E' passato dallo scimmiottare, sia la massa che il pubblico rap, a qualcosa di più concreto. Lo stacco lo crea proprio con la barra in cui parla degli anni, perchè lui non ha più 12 anni, non ha più tempo di sognare, non ha più tempo per criticare come fanno i dodicenni su internet. E' diventato adulto, quindi deve pensare a sostenersi economicamente e deve lavorare. Da qui in poi, parla solo di se stesso, infatti.

Mi regalano le tagliatelle

Quando mi vedono a Trl

Fibra racconta di quando è stato ospite la prima volta su MTV TRL e le persone gli hanno tirato le uova. Da qui il gioco di parole con le tagliatelle, riporta questa scena come se volesse sottolineare che, nonostante il successo, la massa fatica ad accettare il rap.

Di politica non sono l'esperto

Ma dicono l'Italia sarà presto un deserto

Tra 20 anni saremo tutti quanti emigrati a Saint Tropez

Qui si riferisce allo stato di crisi italiano, per cui molti italiani vanno via dal paese, perchè qui non trovano lavoro e sta dicendo che non ci vuole un esperto per capirlo, basta guardarsi intorno. Quindi conclude la canzone portando, agli occhi della massa, un problema grave, finisce con qualcosa di concreto e che riguarda tutti. E' come se volesse dire: mentre ti perdi dietro ai politici, alla tv, alle canzoncine, caro pubblico di massa che vuoi ballare e divertirti, ecco quello che succede nel tuo paese e che tu fai finta di non vedere. Li bastona alla fine...tra 20 anni saremo tutti quanti emigrati a Saint Tropez...scimmiottandoli anche, perchè cita Sain Tropez, la canzone di Peppino di Capri, quindi si riaggancia alla musica vecchia e spensierata che evoca all'inizio della canzone.

Avete capito ora che Tranne te ha un senso? Chi la critica non ha neanche provato a capirla, di questo sono sicura. Siccome poi ci rappano sopra anche Redman e Soprano, mi sento in dovere di dire ai rapper che l'hanno criticata che sono invidiosi (e neanche poco) perchè, come dice Fabri stesso:

"NON VI PIACE TRANNE TE PERCHE' UN SINGOLO COSI' NEL RAP NESSUNO LO SA FARE, TRANNE ME"

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×