scrivi

Una storia di PiaFerrara

3

Storie del buongiorno per bambine strane

Ovvero perché non dobbiamo essere ribelli per forza

Pubblicato il 25 agosto 2017

Storie della buonanotte per bambine ribelli: magari non lo abbiamo letto, ma se siamo persone che frequentano un minimo le librerie e i blog di sicuro lo avremo visto o ne avremo sentito parlare.

Se così non fosse facciamo un passo indietro: Storie della buonanotte per bambine ribelli è un volume — molto bello tra l’altro — edito da Mondadori che presenta delle figure femminili che in qualche modo hanno cambiato la realtà in cui vivevano con la loro opera. Donne che non si sono fatte zittire, che sono andate per la loro strada e hanno saputo vedere qualcosa che ancora non c’era.

Se molti lettori (e lettrici) lo hanno apprezzato, parecchi addetti ai lavori hanno mugugnato tra i denti che si trattava di un’astuta operazione di marketing e che i contenuti del tomo, nonostante la copertina accattivante e le illustrazioni interne, erano piuttosto scarni.

Non è tuttavia della copertina o dei contenuti di questo libro che vorrei parlare, ma del titolo, e vorrei concentrarmi su un aggettivo in particolare: ribelli.

Non ho mai pensato a me come a una bambina ribelle. Sono sempre stata, a modo mio, nerd: avevo amici — pochi ma buoni — e preferivo starmene a casa a leggere, disegnare o guardare cartoni animati (che oggi definirei anime). Una bambina tranquilla, insomma, normale, con il suo diario, le sue penne e matite colorate e tanti sogni in testa. Non una ribelle.

Indirizzare un libro, già dal titolo, alle bambine “ribelli” significa, di fatto, escludere o far sentire escluse le bambine che ribelli non sono. Ma da quando bisogna essere ribelli per forza? Non è l’invito alla ribellione un invito al conformismo rovesciato?

Rivendico qui il mio diritto: non sono una ribelle, sono una strana.

E a tutte le bambine strane e non ribelli dico: magari non avrete sempre ragione voi, l’importante è che ricordiate che non avrete neppure sempre torto.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×