scrivi

Una storia di BettinaB

Epidemia

(ed è inutile che parliate nel nome dei vostri figli)

164 visualizzazioni

Pubblicato il 28 giugno 2018 in Altro

Tags: migranti paura razzismo salvini xenofobia

0

La mia vicina di casa Rita l'ho trovata stamani sul pianerottolo. Si è grattata la testa e ha cavato fuori dai polmoni due parole:- ci Salva...

Amen.

-Da chi?

Lei non risponde subito. Deve pensarci. -Da questa invasione di gente strana, che arriva e la dobbiamo campare; ci Salva dandoci il lavoro; quell'altro ci dà la wi-fi gratis per un'ora al giorno...

-Rita... tu non sai navigare in rete, non hai nemmeno lo smartphone che te ne fai della wi-fi?

-Sì, ma se poi mi decido ce l'ho... e ci Salva dai Rom che rubano e puzzano.

-Rita ma ti ricordi che a me m'hanno rubato l'utilitaria ed erano italiani?

-e vuoi mettere i vaccini? Se son troppi son troppi, meglio pochi ma buoni, oppure meglio via tutti. Via tutti anche gli ambulanti dalle spiagge... 'sti vu' cumprà che vanno e vengono e poi non pagano le tasse, multe anche a chi gli affitta i magazzini. Che li dobbiamo aiutare? ma a me chi m'aiuta con la pensione minima?

Si è animata e dà un colpo di tosse.

Rita non la riconosco più. E' sempre stata di buon cuore, gentile con me e con il senzatetto che si appoggia a fine serata fuori dalla vetrata del discount alimentare e lei qualche volta, l'ho vista di nascosto, gli calava nelle mani un litro di latte o del pane all'olio.

Mi domando come faccia a dire certe cose che la vedo entrare in chiesa ogni domenica mattina, che tiene il rosario nella tasca del grembiule.

-Rita ma Cristo non te l'ha ha detto che parlare così è peccato?

Lei alza le spalle.

Pure io. Entro in casa che ho la gola chiusa e mi manca il respiro. Mi devo sedere. Avrò mica contratto la sua stessa malattia? A un certo punto Rita ha tossito.

E penso al padreterno, quello vero.

"Padrenostro, Salvaci dall'epidemia razzismo". Sintomi: il cuore si riempie di marcio e fa straparlare nel nome dei figli, eleva a giudici di una razza superiore e fa sprofondare le coscienze nel silenzio.

"Padrenostro, Salvaci dal Salvatore che si traveste da Agnello, oppure Salva lui perché si sa come vanno a finire queste cose:

il Lupo che si traveste d'agnello è destinato prima o dopo a prenderlo in culo dal montone e lo stesso vale per tutti quelli come lui, colpiti dallo stesso malanno. Amen."

Intanto so già che la mia estate non sarà come tutte le altre, mi mancherà Abdoul e i suoi bracciali di perline.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×