scrivi

Una storia di MartaGiacobbe

L'altra parte di me

752 visualizzazioni

Pubblicato il 30 giugno 2017 in Storie d’amore

Tags: amore

0

Eccoti lì: il tuo viso in mezzo a un milione di altre facce. Come avrei potuto non notarti? Quei tuoi occhi scuri e profondi, quel tuo sorriso che incanta, risaltano in questo mare di volti anonimi. Ti ho visto e in un solo istante mi sono innamorata, chi avrebbe potuto immaginare che il tuo amore mi avrebbe fatta rinascere. Luca... sono rimasta a fissare il tuo nome e le tue foto per giorni prima di trovare il coraggio di contattarti. Avevo paura di non riuscire a catturare il tuo interesse, ma soprattutto temevo di non piacerti. Di me solo una foto che inquadrava il mio viso, nient’altro. Dicono che gli occhi azzurri mi diano un aspetto angelico, e in effetti... ne sono tutti affascinati, è il resto che guasta. Da ormai due anni sono ferma su una sedia a quattro ruote, io dico che è una spider vecchio stile, per riderci su, ma solo io so cosa vuol dire guardare fuori dalla finestra e poter correre solo col pensiero; per questo ho iniziato ad usare i social come svago. Stavo ore davanti al pc alla ricerca di una socialità ormai persa. Non mi resta che quella virtuale dopo che i miei amici un po’ per volta sono spariti. Avevo smarrito ogni speranza, chattare era diventata una routine, un rifugio che alla lunga, però, stanca. E’stato in uno dei miei noiosi pomeriggi che ti ho visto. Hai risposto subito al mio stupidissimo “ciao” e da lì è iniziato tutto. Per una giovane donna il primo incontro non è mai semplice, sai? Ci facciamo mille problemi su cosa indossare, cosa dire, come muoversi; per me che a soli vent’anni avevo perso quella che credevo fosse la mia femminilità era ancora più complicato. Ricordo ancora quando ti ho rivelato il mio “segreto” non ti sei tirato indietro come mi aspettavo, sei stato comprensivo, ma io non ci contavo troppo, continuavo a dirmi di restare con i “piedi per terra” finché non ci saremmo incontrati, anche se il mio cuore era già partito verso le lontane terre dell’amore. Vederti è stata la cosa più bella, conoscerti un miracolo. Il mio impedimento per te non è mai stato un ostacolo, ti sei innamorato di me nonostante io mi sentissi donna solo a metà. Mi hai sempre ripetuto che non sono una donna a metà, ma la tua splendida metà. Con te ho ripreso ad uscire, a stare in mezzo agli altri, ho scoperto di poter correre anche se non con le mie gambe, che posso ancora viaggiare, ma soprattutto che posso ancora sentirmi bella: donna! Perché io sono una Donna e posso fare ciò che voglio, nonostante tutto, basta la volontà. Questo l’ho capito solo grazie a te e al tuo amore. Tra poco meno di 12 ore ci sposeremo e io volevo farti sapere quando ti amo scrivendotelo proprio qui dove ci siamo conosciuti. L’amore è per tutti una caccia al tesoro, ricerca di un cuore che batte solo per noi in mezzo a tanti... io ti ho cercato a lungo nel mondo reale e alla fine ti ho trovato in un universo virtuale, tra milioni di visi sconosciuti c’eri tu: l’uomo che mi ha ridato la vita, l’uomo che mi ha fatta sentire di nuovo una donna, una donna completa. Grazie amore mio, ora vado a dormire, perché domani voglio che tutto sia perfetto, e spero di essere davvero bellissima come tu mi sussurri ogni mattina al mio risveglio. Sei l’altra metà di me che mi fa sentire intera, sei il miracolo di luce che fa splendere la mia vita.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×