scrivi

Una storia di DionigiAndreano

2

Star Wars Reloaded - Andreano

#Starwars #tecnologia #consapevolezza #lavorobenfatto #comunicazioneeculturedigitali

Pubblicato il 02 novembre 2016

Sono di nuovo lì, uno di fronte all'altro con i volti ghiacciati, quasi come se avessero il timore di proferire parola. Han Solo e Kylo Ren si osservano a vicenda sul ponte della base Starkiller, sotto di loro solo l'abisso. Dall'alto Finn, Rey e Chewbecca osservano la scena in un silenzio che vale più di tante parole.

"Ci rincontriamo, figlio mio" afferma Han Solo, cercando di alleggerire l'atmosfera cupa di quel momento. "Io e tua madre ti stiamo aspettando, torna con noi, sei sempre in tempo per rimediare ai tuoi errori". Un brivido percorre la schiena di Kylo Ren non appena sente parlare di sua madre, il Generale Leia, che con apprensione segue la vicenda dalla propria astronave, la mitica Millennium Falcon.

"E' tardi, Han. E' troppo tardi", risponde Ben Solo gettando a terra la sua maschera, mentre una lacrima gli riga il viso, segnato da una sofferenza sin troppo forte ed evidente per un ragazzo come lui.

"Papà, ho fatto la mia scelta, e non posso tornare indietro". Kylo Ren doveva uccidere suo padre, doveva liberarsi di quel peso che da sempre aveva portato sulle spalle, di quella persona che non gli aveva permesso di essere un uomo. Così Ben sguaina la sua Spada. Il rosso acceso dell' arma si riflette negli occhi del suo proprietario che con mano tremante, riesce a pronunciare flebilmente "perdonami". Subito dopo il ragazzo punta la spada contro di sè e con un colpo deciso si trafigge il cuore sotto gli occhi disperati del padre, che può soltanto osservare il corpo esanime del figlio cader giù in quell'abisso oscuro, che non rappresenta null'altro che l'oblio. Ben non avrebbe mai avuto il coraggio di togliere la vita a colui che anni fa gliel'aveva donata, ma allo stesso tempo sapeva che nulla sarebbe tornato più al proprio posto.

Han con un tentativo disperato cerca di recuperare il corpo del figlio, ma rischia di essere trascinato nel vuoto. Solo in quel momento intervengono Finn e Chewbecca, che scoperti dalle milizie del Primo Ordine, vengono gravemente feriti. Rey, fuggita dalla base, dopo un'accesa lotta con i soldati riesce ad avere la meglio, utilizzando la spada laser di Luke Skywalker, di cui non si hanno ormai notizie da trent'anni.

Poco dopo, i detonatori posti dalla Resistenza vengono fatti esplodere e la base Starkiller viene totalmente distrutta.

Di fretta e furia, i protagonisti della missione fanno ritorno sul Millennium Falcon.

Il generale Leia raggiunge immediatamente Han, che durante il viaggio non aveva mai staccato dal suolo gli occhi, quasi come fossero colpevoli di aver permesso a un uomo di vedere il proprio figlio togliersi brutalmente la vita.

La donna si lascia cadere immediatamente tra le braccia dell'uomo che aveva amato da sempre. "Leia...", "Non devi scusarti, non è colpa tua. Il Lato Oscuro lo aveva accecato, non potevi fare nulla in più".

D'un tratto nella mente dei due, divenuti quasi un'anima sola, corrono una dopo l'altra immagini del passato, che come lame trafiggono il cuore di quei genitori, privi ora del figlio che nonostante tutto non avevano mai smesso di amare.

In quel momento una luce blu proveniente dal capo di BB-8 si proietta nell'aria rarefatta del pianeta D'Qar : la mappa è completa, finalmente è possibile scoprire dove si trova Luke Skywalker.

Dopo un ultimo, eterno abbraccio, Leia e Han si separano e con sguardo univoco sembrano dirsi: la resa dei conti è vicina.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×