scrivi

Una storia di AdaCotugno

0

Star Wars Reloaded- Cotugno

#StarWars #lavorobenfatto #tecnologia #consapevolezza #comunicazioneeculturedigitali

Pubblicato il 31 ottobre 2016

Dopo aver ritrovato Rey, Chewbecca e Han Solo avevano un'importante missione da compiere: sabotare la Base Starkiller con degli esplosivi ed impedire così al Primo Ordine di caricare completamente la sua arma letale. Ma, proprio mentre stava posizionando l'ultimo esplosivo, Han Solo scorse la sagoma di suo figlio e d'impulso corse da lui. -Ben!-. Uno contro l'altro, per la prima volta dopo tanto tempo. -Erano anni che aspettavo questo momento- Kylo Ren guardò suo padre con gli occhi pieni di rancore e rabbia, desiderosi di vendetta.

Il ragazzo si scagliò immediatamente contro il padre con la sua spada laser, provando a ferirlo in ogni modo. Han Solo però era lì con un altro intento: riportare suo figlio a casa, fra le braccia della madre che lo attendeva ancora con amore, pronta a dimenticare ogni cosa per ricominciare insieme una nuova vita. -Questo non è il tuo posto, abbandona il Lato Oscuro e torna dalla tua famiglia. Tua madre ha bisogno di te al suo fianco, io ho bisogno di te!-. Queste parole scalfirono il cuore di Kylo Ren più di qualsiasi arma: riabbracciare il Generale Organa, sua madre, tornare finalmente a casa e non sottostare più agli ordini del malvagio Leader Supremo era ciò che aveva sempre desiderato. Combattere contro suo padre e resistere al suo affetto incondizionato erano prove troppo grandi perfino per lui, da sempre addestrato alla cieca fedeltà al Primo Ordine.

Nonostante le parole del padre Kylo Ren continuava a minacciarlo con la sua spada laser, come se volesse disperatamente annientare quella tentazione che oramai si era insinuata in lui. Avanzando con la spada e facendola pericolosamente roteare Kylo aveva quasi intrappolato il disarmato Han Solo: spalle a terra, sul ciglio della pedana sospesa nel vuoto, l'uomo aveva del tutto abbandonato le speranze di riportare a casa il suo amato figlio. Kylo Ren era ad un passo dal compimento della sua missione, sarebbe bastato puntare la spada laser al petto di suo padre e scagliare l'ultimo mortale colpo per dare prova della sua forza al Leader Supremo ed impedire alla suo cuore di cedere a quella meravigliosa tentazione.

-Torna da noi figlio mio- quelle semplici parole e gli occhi lucidi di Han Solo furono un ostacolo insormontabile. -So ciò che devo fare, ma non so se ho la forza di farlo- Kylo guardò negli occhi suo padre e lentamente ritrasse la sua spada. Tutti erano giunti ad assistere a quella scena intensa: Finn e Rey erano attoniti, Chewbecca aveva aveva abbassato la sua balestra sempre pronta a colpire i nemici lasciandosi trasportare dalla forte emozione. Sembrava l'inizio di una nuova vita felice, ma il Generale Hux arrivò puntuale a rovinare questo momento.

-Kylo, ho sempre saputo che eri troppo debole per prendere il comando del Primo Ordine. Davanti a tuo padre ti sei sciolto come neve al sole, disubbidendo ai comandi del Leader Supremo e mostrandoti per quello che sei realmente: un incapace-. Le parole del Generale gelarono Kylo Ren, che nel frattempo aveva gettato per terra la sua spada per poter finalmente riabbracciare Han Solo. -Generale, questa è la mia scelta- mentre pronunciava queste parole Kylo venne colpito alla spalla dal blaster del Generale Hux e cadde a terra dolorante. -Con te il Leader Supremo farà i conti dopo. Han, credevi fosse stato così facile? Il Lato Oscuro è troppo potente, le tue parole non servono a nulla-.

Han si girò verso il figlio per aiutarlo, ma non riuscì neanche a fare il primo passo verso di lui perché l'implacabile generale lo colpì con il suo potente blaster facendolo precipitare nel vuoto: Finn, Rey e Chewbecca erano disperati, Kylo Ren rimase impassibile. -Stavi per commettere un grosso errore Kylo, ora rialzati e vieni con me ad annientare la Resistenza-. -Rwhawharwha!- Chewbecca levò un urlo di rabbia e disperazione per aver perso il suo migliore amico e, ripresa la balestra, scagliò un colpo in direzione di Kylo e del Generale. Il ragazzo si accorse dei membri della Resistenza e si rialzò per andare al loro inseguimento, ma prima gettò un'ultima occhiata nel vuoto e con molta fatica trattenne le lacrime: suo padre era scomparso per sempre e con lui il sogno di ritornare ad essere una famiglia felice.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×