scrivi

Una storia di AntonioCarbone

Questa storia è presente nel magazine Storie di uno Psiconauta poco equipaggiato

A volte non devi pensare

Storia di un' indecisione cronica

367 visualizzazioni

Pubblicato il 03 febbraio 2018 in Humor

Tags: smoketime

0

Mi accesi una sigaretta mentre aspettavo il pullman alla fermata, proprio alle spalle della zona industriale. Ci ho pensato un po' prima di accenderla, ho pensato che se mi fossi acceso una sigaretta proprio in quel momento, forse sarebbe di colpo arrivato l' autobus e avrei dovuto gettarla, considerando che fosse anche l'ultima non avrei potuto correre questo rischio, avendo anche avuto fin troppe dimostrazioni della legge di Murphy fino ad allora; richiederne un ulteriore avrebbe solo potuto aggravare il pessimismo di un giovedì piovoso di febbraio. Ma un buon fumatore si definisce tale se è in grado in ogni momento di trovare una scusa per fumare.

“Hai passato l' esame, complimenti, fumati sta sigaretta che te la sei meritata”

“Non hai passato l' esame, peccato, vabbè poteva andar peggio, pensa se non avessi avuto nemmeno una sigaretta per consolarti”

“ Mancano cinque sorsi alla fine di questa birra, prepara subito la sigaretta per dopo, chi non fuma che diavolo beve a fare?”

“ Sei alla fermata dell' autobus, hai avuto una giornata di merda e non sai nemmeno quando passa, e mo che fai? Non te la fumi una sigaretta?”

Quel giorno quella sigaretta mi stava veramente mettendo in difficoltà. Ah, quando poi realizzi di averne una sola, è un' occasione da non buttare al vento, se fosse accaduto il peggio non me lo sarei mai perdonato, è in questi momenti che ti rendi conto di non poter sbagliare, una decisione senza riserva, non puoi riprovare o tornare indietro, stavolta non c' erano escamotage. Pensavo a quel tipo che me l' aveva chiesta prima al quale avevo risposto: "È l' ultima", aveva compreso quanto fosse importante, cosa avrebbe detto di me se l' avessi sprecata?

Poi guardai l' orologio, ero già lí con la sigaretta spenta tra le labbra, del pullman nemmeno a parlarne. Basta! Presi l' accendino e la accesi.

Il primo tiro dell' ultima lucky strike ha un sapore diverso da tutti gli altri, adesso sí che si poteva ragionare, per una volta pensai di aver fatto bene ad essere positivo, al quarto tiro il pullman ancora non era arrivato e mi immaginai il tipo di prima farmi i complimenti per aver scelto proprio il momento più giusto. Mi girai per vedere se l' autobus arrivava, a un certo punto un' ombra in lontananza, un mostro di ferro viaggiava su ruote e io non ero nemmeno a metà, iniziai a fumare sempre con più intensità ma niente da fare, era arrivato, proprio davanti a me, e io ero costretto a scegliere tra il pullman e la mia ultima sigaretta. Alla fine presi il pullman ma capii che se quella maledetta lucky strike l' avessi accesa e basta, senza pensarci troppo su, forse l' avrei finita senza sprecarla e non avrei deluso lo scroccone che per tutto il tempo non ha fatto che guardarmi male alla fermata.

A volte non devi pensare

Illustrazione di #HG
Illustrazione di #HG

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×