scrivi

Una storia di AnjaLol

1

Milano

Scusa... ma stammi bene

Pubblicato il 03 marzo 2017

My Dear,

ora sai e nonostante questo continui a lasciar stare o fai finta di...

Io la spugna la getto nel secchio dell'umido e ti dico addio, però prima di dirti addio voglio raccontarti una cosa che mi è capitata l'altra sera e che è avvenuta anche per colpa tua.

L'altra sera sono uscita con le mie amiche, stavo giù, un pò per te un pò per il lavoro un pò ero scazzata, sta di fatto che io ho delle amiche che mi vogliono bene e mi hanno obbligata ad uscire. Mi sono messa il vestito che ti piace, quello semplice, elegante ed estremamente sexy anche se sexy non mi ci sentivo proprio. Siamo andate a cena fuori, nel nostro ristorante preferito, abbiamo bevuto il nostro vino... mi è presa la sbronza triste e mi hanno portata a prendere aria nelle strade a me tanto familiari e tanto amate. Ci siamo ritrovate a una festa con tanta gente, per la metà strafatta e ubriaca, tranne una persona, il proprietario di casa.

Non mi andava di far festa, nè di stare in quella casa, volevo stare per fatti miei e me ne sono andata in balcone con un bicchiere di vino bianco mentre le mie amiche si lanciavano nelle danze. Davo le spalle a tutti e fissavo la città, me ne stavo sola assorta nei miei pensieri, poi è arrivato un ragazzo. Mi sembrava di averlo già visto da qualche parte ma non avevo voglia di ricordare dove lo avevo già visto, si presenta e dice di chiamarsi Edo e che è il proprietario di casa. Chiacchieriamo del più e del meno, non avevo molta voglia di parlare, rispondevo quasi a monosillabe. Edo si è acceso una sigaretta e guarda con me verso il nulla. Restiamo così per un pò poi mi chiede cos'ho. Non so cosa mi è scattato ma ti ho riempito di merda, ti ho insultato pesantemente, ti ho augurato le peggio cose e nella rabbia ho buttato merda sul tuo cantante preferito... Lì Edo mi blocca e mi dice che mi trovavo a casa del tuo cantante preferito... Gli ho chiesto scusa e che non volevo offenderlo e lui mi ha risposto "Anja stai tranquilla, non mi sento offeso, ma lusingato, perchè ho davanti la cosa più bella che abbia mai visto e sto deficente non sa cosa si è perso".

La gente ha cominciato ad andare via lentamente, le mie amiche mi hanno lasciata a chiacchierare sul balcone, la gente è andata tutta via. La casa si è svuotata e siamo rimasti soli...

Il giorno dopo mi sono svegliata nuda e abbracciata al tuo cantate preferito.

Anja

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×