scrivi

Una storia di Salinger23

Introspezione

86 visualizzazioni

Pubblicato il 08 maggio 2018 in Altro

0

Miracolosamente riuscì a bloccare l'auto senza essere coinvolta dentro uno stupido incidente, né finire a mollo nel canale. E tutto sommato la vide come un'appendice degna della faccenda.

Dopo essersi ripresa, si guardò attorno, e ci trovò tanto di quel silenzio misto al buio, che per un attimo credette alla fondata idea di poter essere rapita. Cacciò allora dalla testa quella sensazione, e prese a unire due cartine con un poco di saliva. Raccolse poi una sigaretta che sezionò longitudinalmente, allo stesso modo che scuoiare un serpente. Spalmò quindi le viscere di tabacco sopra la filigrana.

Prese tra le mani la scarpa mancina, liberandola dall'intreccio gialloblù delle stringhe; scrollandola prima, scavando con le dita nel suo interno fino a raggiungere una pallina di pellicola argentata che conteneva ciò che le interessava. Indirizzò la fiamma dell'accendino, mentre con pollice e indice, minuscoli frammenti prendevano un aspetto prossimo al marrone, fino a poterne avvertire l'oleosa consistenza modificarsi sotto la pelle zigrinata dei polpastrelli. Poi proseguì.

Prese un cartoncino dalla tasca interna del parasole e lo ammorbidì nel modo consigliatole da occhi esperti, da vederci a lavoro finito in sezione una doppia esse. Al corpo di tabacco ci unì la polvere marrone. Il filtro nella parte finale, e con un colpo di lingua sigillò il tutto.

Fissando la notte al di là del parabrezza, senza una precisa motivazione si trovò ancora adolescente. Lunghi capelli, abiti a fiori e voce squillante. Mentre con le ultime, sostenute succhiate al joint, tutto cominciò ad alleggerire.

Allungò il braccio in direzione del vano portaoggetti, rendendosi conto per la prima volta, che cosa significasse bisogno di riposo. Le palpebre pesanti, la fatica impadronirsi irrimediabilmente del corpo.

Cercando di spezzare l'incantesimo frenetico delle quattro frecce, premette il clacson. Quel suono acuto per qualche secondo le accelerò il battito cardiaco. Senza riuscire però a spaventarla. Questo no; questo non successe.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×