scrivi

Una storia di SERE

LA RAGAZZA DEL SEDILE ACCANTO

Pubblicato il 19 dicembre 2017 in Storie d’amore

0

Erano le 19:30 e stanca dopo una lunga giornata mi sedetti nel primo posto che trovai. Il treno partì poco dopo e io cominciai a rilassarmi. Davanti a me c’era una ragazza più o meno della mia età, ma solo dopo averla osservata per un po’ mi accorsi della sua straordinaria bellezza. Non volevo stare continuamente a fissarla, quindi mi girai verso il finestrino che con l’oscurità della sera era diventato uno specchio e ricominciai a osservarla da lì. Era una ragazza indiana, chissà con quale stranissimo ma affascinante nome, giovane, fresca e riposata. I suoi capelli, neri come il carbone, le scendevano morbidi fin sotto le spalle e le andavano a toccare i suoi fianchi asciutti coperti da un maglioncino di lana colorato. Il suo viso era perfetto, ovale e semplice, con una carnagione ambrata che faceva risaltare la sua bocca rossa rossa. La sua bellezza però partiva tutta dal suo sguardo: i suoi occhi cangianti, verdi e castani, riflettevano la profondità e il mistero del suo animo. Sembrava mi volessero raccontare una storia, forse una storia d’amore impossibile con un ragazzo indiano lontano. La fissai per almeno una ventina di minuti, ma lei non si accorse mai di me perché era concentrata nella lettura di un libro universitario. Quella ragazza mi trasmetteva pace e serenità e mi faceva sognare avventure in posti lontani. Scese una fermata prima della mia, la guardai fino all’ultimo fino a scomparire nella nebbia, con la sua storia e con i suoi bellissimi occhi profondi.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×