scrivi

Una storia di MartaGiacobbe

1

A L.

Indimenticabile

Pubblicato il 30 aprile 2017

E chi se lo aspettava che proprio tu, così forte, saresti diventata così fragile. Chi poteva immaginarlo che proprio tu, così gioiosa e piena di vita, saresti diventata tanto arrabbiata e vuota come un guscio abbandonato dal suo frutto secco.

Eri bella tu, eri dolce e affettuosa, ma qualcosa ti ha preso tutto ciò che di più bello ti apparteneva; qualcosa che non hai potuto controllare ti ha strappato via il sorriso e la tua voglia di restare qui, che provavi a conservare nonostante tutto, finché hai potuto, finché ce l’hai fatta.

La vita, no, non è stata clemente con te e tu, a tratti, non lo sei stata con chi ti amava e con “Chi” ti aveva portato via tutto quello che non volevi lasciar andare, aggrappandoti al rimpianto di una vita che avevi e che non potevi più vivere allo stesso modo.

Nessuno mai crede che la propria vita possa cambiare in un solo istante finché non accade. A volte ripartire da zero e accettare quello che all’improvviso ci viene presentato non è così semplice come dicono. Quello che hai dovuto affrontare tu è stata una continua prova che ha minato la tua intera persona: i tuoi sentimenti; la tua forza interiore e fisica; il tuo coraggio; la tua fede; le tue sicurezze e anche la tua psiche è stata messa a dura prova, perché fare i conti troppo spesso con la morte non è affatto una cosa facile da gestire senza dare di matto.

Starti accanto è stata dura come lo è stato per te affrontare tutto questo.

La verità è che per quanto tu provassi ad esprimere ciò che sentivi solo tu potevi sapere e sapevi cosa davvero provassi. Non esiste un modo reale ti consenta di immergerti completamente in qualcun’altro. Eppure nessuno ha mai smesso di provarci, per quanto tu lo rendessi difficile, ma la colpa non era tua , ognuno, te compresa, ha fatto del suo meglio.

Sei ancora bella e dolce, lo sei sempre, lo sai? parlo al presente perché faccio fatica a pensare che non ci sei più. Per me sei ancora qui e sei bella, bella come quando mi prendevi per mano all’uscita di scuola, bella come quando ti preparavi davanti allo specchio prima di uscire o come quando sorridevi all’idea di un nuovo gioco da fare insieme.

Ho sempre voluto scriverti una lettera per dirti quanto ci tenessi a te, ma non l’ho mai fatto e di certo non ho ancora affrontato e attraversato la tua assenza, la tengo lontana per non sentire la tua mancanza. Penso che tu sia semplicemente distante e infondo lo sei, sei chissà dove... nell’aria, nei profumi, nel BLU.

Sei nel profondo del mio cuore, lì sei al sicuro.

Non è mai troppo tardi per dire ciò che si sente

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×