scrivi

Una storia di CinziaPerrone

Lottare senza arrendersi

Resistenza e perseveranza

187 visualizzazioni

Pubblicato il 31 agosto 2018 in Giornalismo

0

Ci risiamo, è sempre la solita vecchia storia. Quando l’uomo medio, il potere precostituito, la convenzione, o come altro vogliate chiamarlo, si trova di fronte a un qualcosa di nuovo, di diverso, che potrebbe portare a un radicale ma opportuno cambiamento, ha paura, esplode letteralmente usando qualsiasi tipo di risorsa per mettere a tacere richieste a parer suo inaccettabili. Ma se dall’altra parte c’è una forza, che al contrario agisce impavida, pronta anch’essa a giocarsi il tutto per tutto per far sentire la sua voce forte e chiara e con sé anche il proprio messaggio di ribellione. Sì perché, “preferisco essere una ribelle che una schiava”.

Questa introduzione per parlarvi ancora una volta di una storia vera, fatta di lotte (civili e incivili) e sacrifici, in cui una folta parte della popolazione femminile dell’Inghilterra degli inizi del ‘900, fu cosciente del proprio potere di donne e fermamente decisa a reclamare il simbolo più immediato della loro importanza socio-politica: l’esercizio del diritto di voto.

Sto parlando del movimento delle Suffragette, che già conoscevo, ma che ho potuto ancor meglio conoscere e apprezzare grazie al film trasmesso mercoledì sera su Rai Tre (chi non l’ha visto può cercarlo e vederlo comodamente su Rai play, credetemi ne vale la pena).

La pellicola in questione è del 2015 ed è stata diretta da Sarah Gavron; tra i protagonisti figurano, nel ruolo principale una giovane ma all’altezza Carey Mulligan, come la giovane Maud che interpreta seppe dimostrarsi nella lotta politica, e poi Helena Bonham Carter, Brendan Gleeson, Anne-Marie Duff, Ben Whishaw, Romola Garai e Meryl Streep, che appare solo per pochi fotogrammi nel ruolo della fondatrice e ispiratrice del movimento la signora Pankhurst.

Come il governo usò qualunque mezzo per soffocare questo movimento femminista, e quando dico qualunque lo dico per davvero, scomodando finanche i servizi segreti, perché non si poteva permettere che la questione avesse una qualche risonanza internazionale e quindi andava assolutamente fermata, così quelle donne sacrificarono ogni cosa per la causa, la famiglia, il lavoro (se di lavoro può parlarsi), e finanche la loro stessa salute, affrontando durissimi soggiorni in carcere e torture materiali e psicologiche. Molti di loro sacrificarono la propria vita, in ogni senso, anche fisicamente.

Noi donne di oggi, abbiamo un grandissimo debito storico verso quelle donne non dimentichiamolo mai!

All’inizio ho parlato di solita storia; sì perché sia che tu sti parlando di razzismo, di antisemitismo, di omofobia, di bullismo, o di qualsiasi altro atto deprecabile contro un altro essere (non solo umano, vedi quello che ci divertiamo a fare agli animali), ci troviamo di fronte al prepotente di turno che indossa la maschera della forte autorevolezza. In realtà è solo un debole che ha paura, paura del diverso, del nuovo, di qualcosa che potrebbe rivelarsi migliore di lui; allora in questa furiosa reazione di fobia cosa fa? Discrimina, emargina, infama, discredita, e se tutto questo non dovesse bastare passa alle maniere forti; violenza, distruzione, annullamento.

È triste che la storia ci abbia dimostrato e ancora continua a farlo, che le cose vanno in questo modo, ma noi come quelle donne dobbiamo sempre difendere a qualunque costo le nostre convinzioni, passando anche ai fatti se necessario, e far capire all’altra parte che se c’è qualcuno che ha paura, quello è lui. La vigliaccheria non fa per noi!

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×