scrivi

Una storia di Masichelosai

2

Da piccoli non si crede di poter diventare grandi

Con gli occhi di un bambino, voi allo specchio!

Pubblicato il 16 luglio 2015

3

Non credevo sarei diventata grande così in fretta. Avevo dodici anni e pensavo al mio futuro e a come sarei potuta diventare a quarant'anni e oltre. Intanto osservavo gli adulti mentre giocavo con gioia e divertimento con la bicicletta nuova assieme ad amiche simpatiche, mentre i miei genitori con un gruppo di amici loro se ne stavano a parlare appartati di cose che per un adulto sono importantissime. Il lavoro, le tasse, la casa, le bollette, gli accadimenti che venivano discussi tutti i giorni nei telegiornali non mancavano mai nelle loro conversazioni.

La vita scorreva felice. Se non ché un giorno, che in seguito ebbi l'ardire di giudicare infausto, nacque la seconda figlia dei miei genitori.

Marta, la mia sorella minore era uno splendore di bambina, bionda, con pelle chiara e occhi blu, divenne per il mio sentire, la cocca di casa. A me non piaceva affatto. Affondava le sue piccole dita dentro gli occhi molli delle mie bambole preferite. La odiai per un po' d'anni.

Ora, cresciuta, mi accorgo di come i pensieri superficiali dei bambini possano essere alterati da una lente d'ingrandimento che altera le sensazioni e e le emozioni...

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×