scrivi

Una storia di Psycopanz

Lei ieri morirà

Non sono più “nonna” da circa due minuti. Oggi ho perso mia “nipote”. Domani non avrò più una “figlia”

254 visualizzazioni

Pubblicato il 27 agosto 2018 in Fantascienza

Tags: caos futuro mamma passato presente

0

“Dissi a quella donna di farlo!!..

colei che con fatica avrei chiamato madre con un minimo di sentimento

doveva in qualche modo dare una svolta alla cosa..

Lei era mia madre ma allo stesso tempo non lo era affatto.

Non mi aveva voluto lei .. lei mi aveva semplicemente creato.

Ha promesso .. mi ha baciata ed ha capito!

poi è tornata indietro

Ha portato con sé la consapevolezza di rappresentare il cambiamento

la nuova era..

e forse... la fine!”


“Risanamento”

Questo è il termine che viene usato per etichettare un procedimento che oramai da anni viene effettuato in questa società.

Questa procedura rappresenta la soluzione che coloro che ci governano hanno trovato al problema nato col finire delle guerre.

Terminati i conflitti, terminati gli esseri umani...questo era il problema fondamentale.

Non vi erano oramai più abitanti all'epoca..e le coppie rimaste in vita non avevano nessuna intenzione di procreare in piena crisi economica e depressiva.

Nessun figlio equivale a dire nessun uomo o donna che equivale a dire a nessun futuro soldato o soldatessa.

Nei giorni nostri oramai un uomo ed una donna con un arma in mano rappresentano la stessa identica cosa.

Il governo, dunque, con l'appoggio di un team di scienziati ha dato vita al meccanismo della “inseminazione prematura” o “Risanamento” che in soldoni equivale al somministrare ad ogni neonato femmina un qualcosa che la costringe poi a rimanere incinta.

Quindi, ogni qualvolta una donna partorisce una femmina..a tale neonata viene, tramite iniezione, applicata una sostanza innocua che verrà attivata solamente nel momento in cui questa futura ragazza compirà i diciotto anni.

Diventi Madre già dalla Nascita...senza il tuo volere.

Manca la libertà.

La reazione all'inizio non fu del tutto esaltante, ma il nostro furbo governo ha calmato gli animi di tutti fin da subito...infatti, mentre alcune teste davano vita a questo meccanismo di fecondazione, altre teste scoprivano e donavano un senso concreto al concetto espresso nella frase “ognuno un giorno potrà godere dei suoi tre minuti di celebrità”.

Vi è quindi tuttora la possibilità per ognuno di noi di fare un balzo nel futuro e rimanerci per tre minuti circa..le donne anche dieci.

Formuli la tipica frase “Vorrei vedere cosa succede se..”oppure “Vorrei sapere cosa succede quando...” e dopo una serie di autorizzazioni puoi usufruire del tuo premio..scegliere se vederti in un futuro remoto o balzare di una ventina-trentina d'anni o più...la scelta è del tutto libera.


“Io e mia madre non abbiamo mai avuto nessun tipo di rapporto

Io sono nata come le altre e dunque non mi sono mai ritenuta sua figlia!

Anni di ghiaccio e di tristezza...di fredda ed inutile convivenza.

Ma quel giorno le chiesi di cambiare il mondo una volta tornata indietro

..di muovere le acque

Durante i suoi dieci minuti ho convinto questa donna ad interrompere il fiume..

d'altronde la sua vita non è mai stata vita

e spegnerla avrebbe voluto dire nominarla martire

Io e lei inizieremo ad avere un rapporto un giorno...

..un vero rapporto

ma non qui

non in questa terra!”


Io ho ricevuto tutte le autorizzazioni necessarie per poterne usufruire.

Ma ho deciso di non approfittare della cosa come tutte le altre persone.

Infatti, la maggior parte di noi ora è benestante se non ricca...ha usufruito del balzo nel futuro per soffiare numeri vincenti di un qualche concorso o per scoprire e riportare invenzioni dal futuro che avrebbero creato innovazione e ricchezza sfondata.

Io invece ho fatto un altro tipo di scelta...ho voluto scoprire cosa succederà domani ad una donna che conosco alquanto bene.

Quanto ho appena visto dovrebbe turbarmi e rendermi infelice..spingermi nel trovare una soluzione..ma non lo voglio fare.

So bene cosa lei combinerà tra pochi istanti..lei me l'ha detto dopo il suo balzo.

Lei non saprà mai dalla mia bocca cosa ho potuto vedere durante i miei “dieci minuti di celebrità” ma non è importante..domani lo verrà a sapere...comunque già se lo immagina.


Se vai contro il governo..il governo va contro te!

Te sgarri e lui ti uccide!



Quanto ho visto dunque è prassi..ma è la prima volta che succede.



E' distesa supina sul letto bianco in una camera bianca che puzza di detersivo.

Ha la gola tagliata e del sangue le scorre lungo il collo andando a concentrarsi su alcune piastrelle di quel pavimento pulito e curato..ovviamente bianco.

Si sentono suoni regolari di macchinari e voci differenti, alcune febbrili ed altre energiche..c'è chi ride e c'è chi piange.

Loro..quelli del governo sono entrati un istante fa...lo si nota benissimo!

Erano sicuramente in tre..non lo so con certezza ma credo che il governo ne mandi tre in questi casi.

Almeno così dicon le voci...non è mai successo prima d'ora..non posso saperlo.

Due di loro ti bloccano...chi rimane con le mani libere, suppongo finisca il lavoro!

In base a quanto vedo credo lei non abbia cercato in nessun modo di liberarsi...anzi ha mollato la presa ed ha mostrato loro quanto aveva combinato..quanto oltre era andata!

Eppure vieni avvisato...mai opporsi al governo...mai in questo modo..non lo puoi fare..nessuno può farlo!

Nemmeno se ti viene domandato..

Nemmeno se è tua figlia a domandartelo

..o chi in un futuro diventerà tua figlia!

Io guardo il cadavere di colei che dovrei amare ma non provo nessun tipo di emozione..

un pochetto mi dispiace..

ma a quanto pare dispiace solo a me!

In questa stanza sterile a nessuno sbatte un cazzo se una donna viene sgozzata.

La gente capisce solamente da quella gola che quella donna ha commesso il peccato più grave..

Quella donna...la prima in assoluto ha fermato il ciclo..


Sono svaniti i miei dieci minuti del “goditi i tuoi dieci minuti di celebrità”.

Ci vuol coraggio a chiamarla “celebrità”

Sto tornando indietro..ma non molto se ci penso..

avrei potuto aspettare una notte e avrei vissuto comunque quanto ho appena visto ora!

...”


Dicono che una volta che torni dal “balzo” hai solo ed esclusivamente voglia di dormire.

In questa società dormire è l'unico modo per non vivere..oppure vivere in un mondo migliore.

Un mondo nero ma un mondo libero.

Io in questo momento non riesco a rilassarmi e dormire...peccato..avrei avuto modo di scappare e non veder nulla.

Batto sul vetro che mi separa da lei con il pugno e catturo la sua attenzione.

Lei mi guarda preoccupata..ciò che parte dai suoi occhi e giunge ai miei taglia l'aria priva di germi di questo bianco posto...bianco e sterile.

Anche se mi parla io non riesco a sentirla, l'unico modo per comunicare con lei è solamente gesticolando qualcosa.

Lei non sa che ho appena terminato il mio balzo..non lo sa!

Nella mia mente un piccolo settore della materia grigia custodisce il suo futuro..il suo domani.



“Ho guardato quella donna...mia madre...negli occhi

e ho risposto alla sua domanda.

Ho risposto a quanto ha spinto lei a raggiungermi.

Le ho detto che io e lei siam legate solo in modo forzato

e che tra noi non c'è alcun tipo di amore oggi.

La mia vita è triste e priva di senso

E' inutile che lei mi cresca per non-vivere.

L'ho guardata fissa negli occhi e le ho chiesto un unico piacere..

“Appena mi porteranno da te uccidimi!!”

facendo così sveglierai un intera società..

che pensi?

Pur io ho usufruito del balzo!

Qui nel futuro lo si può ancora fare.

“Ti assicuro che capiterà qualcosa di eroico se te mi ucciderai!””




Lei ora si gira velocemente e non mi guarda più...sono entrati degli uomini vestiti di bianco e verde e portano tutti una mascherina in viso.

Uno di loro tiene in braccio quanto lei sta aspettando.

Uno di loro sorride a quella donna stesa sul letto.

A quella donna che io conosco bene.

Io guardo tutto dal vetro..solo i parenti possono far visita ai pazienti a quest'ora.

Gli posano la bimba vicino al seno poi si girano ed escono da quella stanza.


“Quando succederà non esitare..

Uccidimi e basta!

Io non sono nulla per te ricordatelo.

Te non mi hai voluto...sei stata costretta!”


Lei ora è sola... quelli se ne son andati...ci sono solo io che la guardo.

Controlla che la situazione sia tranquilla poi mette una mano sotto il suo cuscino e lo afferra.

Lo alza.

Rimane con il cuscino sospeso in aria per un breve istante poi con forza glielo preme sul viso.

Su quel piccolo e fragile viso.

Continua a guardarmi..gelida.

Poi sorride.

Ne io ne lei abbiamo lacrime.

Attende circa un minuto poi rialza il cuscino.

Ciò che rimane non è del tutto piacevole da guardare...non lo è per nulla...ma a quanto pare la gente applaudirà comunque.

Così le han detto.



Sappi che anche se non potrò risponderti quando mi ucciderai..

ti ringrazierò comunque con gli occhi..

Grazie mamma.

da parte mia e da parte di questa gente che aspettava solamente il “Buon esempio”

Non potranno mica ucciderli tutti ora!?

Non credi?

Vai pure

torna indietro!

Vorrei tanto dirti che ti voglio bene...ma non ci riesco”


Spero tanto che quanto successo oggi possa servire sul serio.

Che sia la classica goccia che seppur insignificante cadendo nell'acqua crea cerchi concentrici.

Davanti a me, dietro quello specchio rientra uno di quelli che prima han portato la bimba alla donna.

Si accorge di quanto accaduto ed esce dalla camera di corsa...so già chi andrà a chiamare.

So già chi giungerà domani.

Le lancio l'ultima occhiata .. non riesco a sorridere .. poi mi volto.

Dietro di me le luci si spengono.


Non sono più “nonna” da circa due minuti

Oggi ho perso mia “nipote”

Domani non avrò più una “figlia”

Se così posso chiamarle.


Mi domando perché in futuro continueremo ad effettuar balzi se oggi abbiam eliminato il “Risanamento”?

Non aveva come unico scopo quello di nascondere che ci stavano togliendo la libertà?

In futuro lo saprò


Ti aspettavo”


Qualora vi abbia creato solo confusione in testa vi invito a leggere 'Lei ieri morirà (spiegazione - chiave di lettura)' ;)

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×