scrivi

Una storia di Maricapp

Questa storia è presente nel magazine Racconti brevi e Poesie improvvise

Gli elementi della passione

Le origini

120 visualizzazioni

Pubblicato il 21 giugno 2018 in Avventura

0

In un mondo appena nato dalla morte recente di una stella senza piu' voglia di brillare, Fuoco se ne stava nascosto nel cuore di quel grumo ancora fumante ed inconsapevole di essere divenuto una probabile fonte di vita, pago di aver illuminato per un tempo immemorabile la notte dell'Universo.

Acqua scorreva con grande fatica su rocce calde e poco disposte a lasciar passare un simile elemento fresco e dolce, ed in quanto tale sconosciuto, in un posto cosi' avaro ed aspro.

Vento soffiava con rabbia sulla polvere rossa della crosta formatasi di recente, quasi a testimoniare una sorta di lenta guarigione dalla furia di Fuoco.

I giorni passavano e la crosta si consolidava, assumeva forme sinuose. Mentre Acqua, a volte, riusciva a riposare in qualche avvallamento formatosi tra la polvere. Vento, ormai esausto, non era piu' rabbioso, ma aveva assunto una certa quale dolcezza che rinfrescava la desolazione.

Tempo aveva iniziato a scorrere impaziente.

Un mattino uguale a tutti gli altri la crosta si risveglio' cambiata: era divenuta Terra.

Acqua in alcuni punti subi' una metamorfosi blu e si ritrovo' Mare e, sotto i raggi caldi di una stella che schiariva l'orizzonte di Terra, evaporo'.

Cielo, che c'era sempre stato, se ne ebbe a male ed inizio' a protestare con violenza. Tutto all'improvviso precipito' e cosi' Pioggia cadde con mille gocce d'argento su Terra e su Mare, che l'accolsero con gratitudine.

Solo Fuoco rimase nascosto, subdolo ed incandescente nel centro del grumo che si stava evolvendo.

Terra, in una notte silenziosa e tiepida, avverti' nel profondo un movimento, un palpito. Le sue sorelle rimaste a splendere lassu' la osservarono preoccupate, un sussurro lontano la fece tremare, Mare all'improvviso si alzo', Vento trasporto' da un altrove sconosciuto un brontolio sordo, Aria divenne bollente.

Tempo si fermo'.

E all’improvviso Fuoco, liberatosi dall'inerzia che lo incatenava, emerse maestoso e potente da una delle cime formatesi su Terra.

Fu un attimo: un fiume di rossa lava la investi', travolgendola in un abbraccio ardente ed assoluto che le tolse ogni capacità di percezione trasformandola, lei ancora vergine di flora e di fauna, non ancora madre dell'umanità, in un piccolo mondo intatto completamente in balia della passione impossibile a spegnersi di Fuoco.

Si lascio' invadere, possedere, bruciare dal magma che le serpeggiava addosso; e piu' Fuoco ruggiva piu' Terra si sottometteva, piu' bruciava piu' lei gli donava parte di sé.

Finalmente Fuoco, cosi' com'era divampato, si quieto', all'improvviso, come pago di vedere Terra distrutta dal suo abbraccio mortale.

L'aveva provocata, illusa, invasa e posseduta, si era imposto con la forza sulla sua innocenza, l'aveva costretta con la prepotenza ad accettarlo, amarlo, volerlo, l'aveva annientata.

Ora, come un re che dopo la vittoria riportata su un nemico imbelle si abbandona soddisfatto sul proprio talamo, si stava mollemente lasciando scivolare in Mare.

Acqua lo accolse con indignazione, sfrigolando al suo impatto, urlando tutta la sua compassione per l'ingenua giovane Terra.

Vento soffio' fresco sulle ferite fumanti provocate dalla violenza di Fuoco, Pioggia pianse tutte le sue lacrime per dare sollievo e mischiarle a quelle amare di Terra.

Tempo aspetto'.

Terra lo aspetto'.

Mare copri' la lava fredda e nera lasciata da Fuoco, cosi' che lei non potesse piu' vedere la parte impietrita di sé che lui aveva lasciato quando, cosi' com'era arrivato, improvvisamente se n'era andato .

Tempo lentamente passo'.

Le ferite guarirono, Terra riprese la sua evoluzione, fino a coprirsi di uno splendido manto verde, accogliendo su di sé animali ed uomini e con questi ultimi tutto il bene ed il male che Destino aveva loro riservato.

Ma Fuoco a volte torno'. Senza preavviso e senza rispetto e Terra lo accolse sempre, stregata ed affascinata, vittima e carnefice di sé stessa.

Terra era Madre amorevole e severa come tutte le madri, anche se consapevolmente sapeva che i suoi figli, come tutti i figli, l'avrebbero sfruttata e forse distrutta.

Terra era la Vita ma, al centro del suo essere, conservava ancora una fiamma ardente, un amore sconsiderato e trascinante per Fuoco che le bruciava dentro, l'eterno amante che la faceva vivere.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×