scrivi

Una storia di Rita78

2

ANTONIA

I Racconti cattivi

Pubblicato il 30 luglio 2017

Antonia spazza via con il mignolo una briciola  incastrata nell'angolo del labbro inferiore e finge interesse per l'interlocutrice facendo

Antonia spazza via con il mignolo una briciola incastrata nell'angolo del labbro inferiore e finge interesse per l'interlocutrice facendo lievi cenni d'assenso con il capo. Mentre si deterge il sudore dalla fronte osserva l'assistente, un trentenne sbiadito, calvizie incipiente e una leggera pinguedine del ventre, forse poca attività fisica. Solo gli occhi a spillo rivelano una determinata ambizione. E' sicuramente lui l'artefice di quella relazione perfetta che ha distrattamente visionato. Che spreco di energia, pensa, avrebbe dato comunque assenso alla domanda, opporsi è uno sforzo che lei non compie più da anni.

Antonia sorride bonaria, ma lo sguardo indugia sul costoso tailleur di lino e la lieve abbronzatura dorata della titolare dello studio di progettazione. Bionda, sicura di sè, espone con eccessiva competenza le ragioni dell'urgenza con la quale ha inoltrato la richiesta: finanziamenti della Comunità Europea, investitori stranieri,...bla bla bla.

Tonica e senza un filo di grasso, la pelle tesa, una ultracinquantenne con i segni del tempo al minimo sindacale. In un eccesso di zelo l'ingegnerino ha allegato alla pratica anche il suo codice fiscale.

Nel piccolo ufficio manca l'aria, Antonia si alza faticosamente dalla scrivania, le cosce grasse incollate dal sudore, dà un lieve colpo al vecchio ventilatore che riprende il suo inutile ronzio, accenna un congedo.

Ma intercetta un lampo di trionfo e la mano che ghermisce l'avambraccio del giovane va quasi ad oltrepassare la stoffa della camicia, le unghie smaltate conficcate nella carne. Un gesto rivelatore di ben altre intimità. Antonia li immagina rotolarsi sopra un letto sfatto.

Sfoderato un rassicurante sorriso li gela << Bene, manca solo una liberatoria della Sovrintendenza! Quel moncone di pilastro potrebbe essere antico, magari di epoca medioevale...>>. Sono entrambi ammutoliti, poi la bionda tenta una reazione

<< la la Sovraintendenza? impossibile... ci vorranno mesi e ….così va tutto in fumo! >>.

<< Non esageri dottoressa, abbia fiducia!>> ma i due sono già usciti dalla stanza senza un saluto lasciandosi dietro un lieve profumo, forse di Hermes.

Antonia, chiude bene la porta dell'ufficio, toglie la settimana enigmistica da sotto la pila di fascicoli, poi cerca con la mano nel cassetto della scrivania. Dovrebbe essere rimasto ancora un pacchetto di crackers.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×