scrivi

Una storia di Anonimo

2

La mia menzogna(?)

Siete abbastanza forti per leggerla?

Pubblicato il 18 giugno 2017

mood.

La vita...fatta di scelte, sogni, legami...e forse la "sfumatura" più importante ed..."interessante": le convinzioni. Passiamo la nostra intera esistenza ad immaginare il nostro futuro per non vedere la merda che c'è nel presente...la nostra futura famiglia, il nostro futuro lavoro, i nostri futuri obiettivi, il nostro futuro amore...tutto quanto. Arriviamo persino ad immaginare come sarà la nostra "esistenza" dopo la morte...paradiso, inferno, purgatorio...siamo alla costante ricerca di sicurezza, perchè affrontare la realtà fa male...un male insopportabile per la maggior parte di noi. Etichettiamo le persone sole, i malati mentali, le persone fuori dal comune...perchè tutto ciò ci fa paura, ci mostra la realtà...ciò che la vita è veramente: una merda. Etichettiamo per autoconvincerci...autoconvincerci che tutto ciò che ho elencato sopra è male...perchè se siamo convinti che una cosa è male, di conseguenza ne stiamo alla larga...e troviamo la forza per reagire. Ed è qui che ha inizio la menzogna...la menzogna che nella vita troveremo qualcuno che ci sosterrà...amicizia, amore, famiglia...forse la famiglia. La famiglia è forse l'unica certezza nella vita (per i più fortunati come me ad esempio). Al di fuori di essa...tutta autoconvinzione. Dobbiamo pur andar avanti in qualche modo no? Ecco perchè siamo religiosi. Siamo cosi coscienti di quanto la vita sia una merda che abbiamo bisogno di crearne una migliore ancora prima di finire questa. Qui forse inizierete a vedermi come un pazzo...ad immaginarmi in uno squallido posto, magari fatto di qualche droga e ubriaco di birra...vi sbagliate. Sono in una bellissima casa, ho un bicchiere d'acqua accanto a me...e sono perfettamente lucido. Visto? Siamo sempre pronti ad etichettare ciò che non possiamo/vogliamo capire/vedere...ciò che ci fa paura. Io sono una persona come voi...semplicemente ho aperto gli occhi. So che la vita è una merda e che la scelta da fare è solo una: Vivere affrontando il dolore, o vivere nella menzogna...ah no...c'è anche un'altra scelta...il suicidio. C'è chi si sveglia da questo "sonno profondo" fatto di convinzioni...e si rende conto che essere svegli è orribile...forse il peggior incubo di sempre...decidendo cosi di tornare a dormire...per sempre. Che altro posso dire...questa è la vita...o forse è solamente la menzogna in cui vivo io...in cui mi nascondo. Forse sono veramente pazzo/depresso/pessimista...datemi l'etichetta che più vi piace.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×