scrivi

Una storia di SimonePaparazzo

2

Nuovo Ordine

Il mio (grottesco) referendum

Pubblicato il 19 dicembre 2016

L’ho seguito nel cuore del bosco. Tutto vestito di bianco, sono ancora sorpreso di averlo visto chinato nel ventre squarciato di un rovere, per poi calarcisi. Attendo su quello stesso portale, le dita ribelli per la tensione. Malinconico, l’ultimo polline autunnale decide di morire nel mio respiro, addolcendo l’aria, calmandomi. Entro anche io.

Ormai carponi ho percorso alcuni metri, immerso nelle calde viscere della terra, sono sospinto in avanti dalle pareti gravide di microscopica vita. Quei minuscoli arti provocano un brusio, come parole bisbigliate. “Traditore, traditore” intuisco. Sento, sempre più forte dal fondo del cunicolo dove un’ampia fenditura si palesa. Oltre essa gli occhi s’ immergono in un’orgia d’ immagini.

Migliaia di fameliche braccia si aggrappano a un immenso tavolo, ai cui lati, due sproporzionate creature banchettano. Una è nuda, stringe un sigaro e con sdegno rigurgita denso fumo.

«Traditore, maledetto bastardo» sputa sui presenti «anni per riabilitare la nostra immagine, ridotti a diletto per bambini aspettando il momento propizio, e questo infame ci tradisce col nemico bramando perfino il suo aspetto». Affonda i denti nella carne pregna di sangue. Denso cola sulle mani protette da candidi guanti, che tali restano, i pantaloni invece ne rubano il colore.

Altro fumo. «Se non da vivo, almeno da morto si è rivelato ottimo». Porge un bulbo oculare a uno scoiattolo, estasiato dall’offerta.

Acido sulla lingua arriva un conato di paura, mentre rotola al suolo del pietrisco, insieme alla mia vita. Le orecchie ruotano verso di me, così come gli occhi. Privi di iride non permettono di capire cosa osservino. In ogni caso, non me. Io sono già morto.

«Uccidete quel primate!» ruggisce la creatura lorda di sangue. Copiosa saliva si stacca dai grossi incisivi nella forza dell’urlo. «È finita l’era del loro dominio, sta ora a noi proteggere il Nuovo Ordine».

“Nuovo Ordine, Nuovo Ordine, Nuovo Ordine” è la cantilena che sale al posto della vecchia. Topi, scoiattoli, conigli si precipitano a coprirmi come un manto. Gli artigli sottili stracciano la carne, tagliano i tendini. I denti masticano, lacerandomi un pezzo alla volta.

Un pezzo alla volta.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×