scrivi

Una storia di Giovanna.vannini.5

Poco meno di...

pensiero della buonanotte

321 visualizzazioni

Pubblicato il 26 dicembre 2017 in Altro

Tags: santo feste stefano Natale piove

0

Poco meno di un ora e anche per quest'anno è andata. Piove abbastanza e gli occhi si stanno per chiudere. Ho cenato con una tazza di passato di verdura caldo, una fetta di pandoro e una di panettone. Se devo scegliere, optando per il poco cibo, scelgo il dolce. Non essendo stati in casa la sera di vigilia, ci siamo scaricati "La vita è meravigliosa" e ce lo siamo visti nel pomeriggio. Nonostante credessi il contrario, è stata la prima volta che ho visto il film per intero. L'ho guardato con occhio e cuore attento. Datato 1946, o giù di lì, è di una attualità disarmante. Devi andare oltre però per capirlo: oltre il sogno americano, oltre la storia, oltre la pioggia scrosciante e la neve che scende copiosa riprodotti negli studios. Una continua consegna di messaggi di attualità, di amore e d'amicizia, di speranza semplice. Ho pianto. Grande storia per una grande metafora di vita, così difficile da mettere in pratica. Non credo ne sarò mai capace fino in fondo. Posso provarci e non sempre, con scarsi risultati ma premiandomi per l'impegno.

Domani è già data non in festa. Data uggiosa il 27 dicembre, viene subito a ricordare che le prime due festività sono andate e che le prossime saranno le ultime fino a Pasqua, che mai si sa, la Pasqua, se non con calendario nuovo alla mano, quando cascherà: alta o bassa?... Per far programmi di gita chi può farli. Avevo sonno, ero salita per lavarmi i denti e andarmene a letto. Poi mi son fermata al pc per mettere in rete queste righe di fine giornata, e siccome qualcuno di voi di là, da qualche parte c'è, le lascio qui in consegna, per far compagnia.

Vi lascio di seguito anche i..."miei auguri differenti", scritti un paio, forse tre giorni fa. Sono sul mio blog, magari già vi son passati sotto occhi e occhiale.

Fatene buon uso se volete...

Buone notti a tutti e buon prossimo Natale e Santo Stefano..

"Il decollo di un aereo è affascinante. Passare un’intera giornata a veder decollare aeroplani. Il velivolo si posiziona sulla pista,i motori vanno in forza, prende velocità, lascia la pista, chiude il carrello, s'impenna, incontra l’azzurro, imbocca la rotta per l’autostrada celeste. Metafora. Dovremmo tutti avere almeno un decollo nei nostri giorni in dotazione. Almeno uno che ci metta in volo. Dall'alto sporgersi, squarciare le nuvole, conquistare il sereno, imboccare un corridoio di aria fredda che con uno più tiepido si mescola. Costante la sensazione di librarsi per andare lontano. Lontano, ognuno ha il suo lontano, vicino per l’uno, non abbastanza per l’altro. L’importante resta il volo. E quella sensazione di equilibrio che solo lo spiegamento di ali in perfetto assetto, dà.

Un’intera giornata all'aeroporto a veder decollare aerei. Ad ogni decollo un sogno lascia il suolo per farsi realtà in un dove. Misterioso è il tragitto, incognito è l’atterraggio. Manca il buon presentimento che dopo il volo ci sia il meglio. Chi ha paura di volare ingoia gocce e posiziona pasticche sotto la lingua, mentre sulla pista dell’aeroporto, comunque, gli aerei decollano e atterrano. In alternanza con naturalezza…"

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×