scrivi

Una storia di LadyNormaQueerness

logo sfide intertwine

Questa storia partecipa al contest
Essenziale 2049

7

Allegra filastrocca post-apocalittica

Nel duemilaquarantanove la Terra è ferma e il Sol si move!

Pubblicato il 10 novembre 2017

“Come vede il futuro, cara signorina?”

mi chiesero al citofono una domenica mattina.

Ed io: “Di Geova testimone, a me non dimandare

della tragica fine che siam destinati a fare.

Ma va bene, lascia le tue carte e torna a pregare

e gli zebedei a me più non menare”

Ma ormai vigile in quella domenica benedetta

ammetto che fui curiosa di ciò che ci aspetta.

Allora ricordai di avere un amico, un bravo ragazzo

eppure in molti dicono sia pazzo.

Egli afferma: “Ho guidato navi e anche alianti,

ho viaggiato nel tempo, indietro e avanti!”

Io gli credo, è un uomo perbene e sembra sincero

giudicate anche voi se ciò che dice non sembra vero.

Dice che nel duemilaquarantanove

la Terra è ferma e il Sol si move!

Gli dico: “Allora è vero, sei matto e le tue son sciocchezze!”

E lui: “Non esser convinta e abbandona le certezze

Perché esse han condannato chi ha smesso di imparare,

chi già, convinto di sapere, non ha voluto più ascoltare.

Le persone son diventate così convinte delle loro posizioni

che il pianeta li ha imitati ed è fermo ormai da generazioni!”

“E la vita? E gli animali? E le piante? E le stagioni?”

“Ah per quelle non ti angustiare! Non le abbiamo più da eoni.

Sai, si è pensato fosse inutile ciò che non fattura,

la natura non dà profitto, era insomma una rottura.

Perciò abbiam continuato a costruire ed inquinare

ABBATTERE E ABBATTERE FINO A CREPARE!”

E in risposta al suo entusiasmo: “Oh no, ti prego

io davvero tutto questo non mi spiego.

E dimmi, per caso un verbo così usato

in positivo è stato anche declinato?

Avete abbattuto ciò che davvero conta?

Le barriere tra gli uomini… suvvia racconta!”

“Di certo non esiston più barriere, né muri o abitazioni

siam ricchi ma è triste che tutti quei soldoni

ci faccian stare al freddo come dei barboni.

Peccato, guadagnavo bene con il bracconaggio

avrei voluto una villa con piscina e idromassaggio”

“Ciò che dici è un orrore, stento a credere alle mie orecchie.

E che mi dici delle barriere culturali, nuove e vecchie?”

“Cul…tu…ra? Cosa intendi, mia cara amica?”

“Non mi dire che anche lei ora vi è nemica!”

“Non vi è più nulla, abbiam smesso di esser curiosi

E detto francamente, i libri erano così noiosi.”

E io, sull’orlo del pianto: "Oddio non ho parole..."

"Ah ma quelle neanche noi!” disse radioso come il sole.

E continuò: “A che servon le parole se in rete puoi postare”

"Quindi mi dici che possedete ancora il cellulare?”

“No affatto, son loro a possederci, noi prendiam solo frustate

Sai, quelli che voi ancora smartphone appellate

han preso alla lettera “smart”, funesta parola accidenti!

e son diventati svegli, parlano e sono esseri senzienti.

Ma non hanno sentimento o senso etico alcuno,

e cosa credi che faccia un essere così inopportuno?

Si butta in politica e così hanno fatto,

han vinto le elezioni dopo aver assuefatto

la gente comune che a loro non ha rinunciato

e sono padroni di tutti. Davvero poco è bastato”

E tacque. Alla fine della storia io pensavo seriamente,

ci speravo, credetemi, e mi dicevo “Costui mente”.

Ma l’importante è che mi convinsi che in confronto

a questo orribile, scellerato e mostruoso racconto,

un testimone di Geova la domenica mattina in fondo,

non era poi la prospettiva peggiore del mondo.

Inizia a far sentire la tua voce attraverso le tue storie. Iscriviti, è gratis.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×

Ops, c'è stato un errore. Riprova più tardi.

×

Sicuro che sia questa l'email?

×

Email non valida

×