scrivi

Una storia di Rudyfinno

I poteri dell’antica pietra di luma l’ultimo atto

I custidi di luma hanno fallito la loro missione mettendo a repentaglio  umanità.Ora Nessuno potrà più aiutarli, neanche Dio.

108 visualizzazioni

Pubblicato il 11 maggio 2018 in Avventura

0

Parte 2 su 2

Quella notte anche l'ultimo sciamano lascio' la sua postazione di guardia; gli

schiamazzi, le urla intorno al fuoco, i canti ed i ritmi improvvisati tra tamburi e chitarre stonate molto presto cedettero il passo ai rumori della natura ; il vento che si insediava tra le chiome degli alberi era così forte da farli oscillare ossessivamente;

Il nodo stretto che mi teneva immobilizzato i polsi già da due interminabili giorni mi stava lacerando la pelle.

Le condizioni sanitarie stavano peggiorando a ritmo incessante, la fame, come una morsa mi aggredì logorandomi lentamente lo stomaco, avevo la gola prosciugata, a stento tentavo di non perdere la ragione per rimanere vige su ciò che ci circondava.

Improvvisamente una voce spezzò il flusso dei miei pensieri:

-Hey tu!

Mi voltai cercando nervosamente l uomo misterioso che mi stava chiamando

-sono qua, sono venuto in pace.

Il soggetto si avvicinò molto lentamente verso di me, le sue mani tremavano, aveva gli abiti strappati ed era completamente ricoperto di sangue.

-Dobbiamo andarcene da questa maledetta isola

Poi mi ripetete insistentemente

-l'ho ucciso, l' ho ucciso io lo sciamano, ora dobbiamo lascare quest' isola prima che la tribù trovi il cadavere

Il suo sguardo era confuso, la sua voce tremava.

Poi mi voltai verso l oceano, le cui onde si infrangevano su gli scogli creando altissimi spruzzi che toccavano il celo buoi e tempestoso di quel 20 novembre.

L'ipotesi di scappare via mare era assolutamente una pessima idea; affrontare una tempesta non era il modo migliore di scegliere la propria morte.

La quiete che incombeva in quel luogo non mi convinse molto, poi lo urlai ad alta voce :

-qualcuno ci sta osservando da qualche parte nel isola, non dobbiamo fidarci di questa apparente quiete.

Ma noi dovevamo agire a tutti i costi prima che agissero loro.

Mentre tentava di liberarmi, un grido di allarme mi fece venire la pelle d' oca, un gruppo di indiani armati di lance e ascia si stavano dirigendo da la nostra parte.

L uomo misterioso sfilo una pistola calibro 9 che teneva nascosta nella parte anteriore dei suoi jeans; io rimasi immobile di fronte ad una scena al quanto drammatica; i colpi sparati a freddo riecheggiarono nel cielo come tuoni trafiggendo i corpi che caddero al suolo come soldato in trincea.

Gli sguardi delle vittime ricoperte completamente di sangue fissavano il cielo come se stessero aspettando qualcuno pronto a portare via la sua anima da questo luogo tappezzato di tristezza e morte.

Poi l' uomo si presentò:

- il mio nome e Ron, e sono un naufrago del volo 356 che è decollato due giorni fa in circostanze misteriose.

La sua voce si propagò nel aria.

Il suolo era ricoperto da un tappeto di cadaveri e sangue.

fortunatamente anche noi fummo liberati dalla prigionia; a stento tentai di rimettermi in piedi; le gambe mi tremavano, ma riuscii comunque a muovermi, avevo le labbra secche e screpolate.

Poi Wendy si gettò tra le mie braccia, era spaventata ma felice, la sua stretta così forte sul mio busto fu spezzata da una lancia che gli trafisse il petto spezzando la sua vita.

Il suo corpo fragile e delicato dalla corporatura minuta si adagio dolcemente al suolo in un calvario di sangue.

Ron tento di sferrare altri corpi al unico superstite della tribù, ma quando fece pressione sul grilletto la calibro 9 era completamente scarica.

L' indiano era ferito, i suoi gemiti di dolore spezzavano il flusso continuo delle sue parole , ma riuscì a portare a compimento il suo messaggio disperato

-siete condannato a restare qui in questa maledetta isola per il resto della vostra vita, avete spezzato la catena di un intera generazione che ci legava responsabilmente a costudire la pietra, avete violato il sacro testamento, e ora che anche l' ultimo custode dalla pietra di luma lasci questi maledetto mondo per far spazio hai nuovi eredi;

Poi la sua voce si placo, e gli spasmi aumentarono di intensità.

-come nuovi eredi avete il compito di costudire la pietra di luma da mano sinistre, ed evitate ogni piccolo errore o distrazione, perché quello sarà l'ultima cosa che farete in questo mondo.

Ora dirigetevi nella zona ovest del isola... troverete la pietra ed una pergamena che vi...

L uomo cadde definitivamente al suolo

Davanti a quelle parole rimasi pietrificato, stentavo a crede a ciò che aveva appena detto, ma dovevano far chiarezza su questa misteriosa pietra di luna ; così ci dirigemmo nella zona ovest del l'isola per poi scorgete in lontananza un forte bagliore che ci condusse davanti a questo enorme quarzo che fluttuava nel area a pochi centimetri dal suolo, tre raggi di luce la colpivano alle sue estremità, la sua forma ovale aveva mille sfaccettature, il suo colore era di un giallo ambrato; di fronte ad essa una lastra di marmo inciso a mano recitava queste parole:

La pietra di luna, la qui forza mantiene il mondo sospeso nello spazzino, un solo piccolo spostamento provocherebbe una distruzione del intero mondo. I raggi che la toccano alle sue estremità sono collegate con il baricentro della terra, la cui luce prende energia dalla pietra creando un filo conduttore che spinge questa ultima direttamente al nostro pianeta favorendone la capacità di rimanere sospesi nello spazio, e protetti da eventuali meteoriti che potrebbero colpirci da un momento al altro.

Ron mi guardò. poi lancio una risata straziante prima di pronunciare queste parole:

- che fesseria è mai questa, ora vi dimostrerò il contrario.

-no Ron noooooooo, non lo tocc.....

...................…..................fine

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×