scrivi

Una storia di GianlucaManca

Questa storia è presente nel magazine Pensieri sconnessi

Milano, i Black keys e la condivisione perversa

Riflessione sul second screen

1.4K visualizzazioni

Pubblicato il 01 settembre 2015 in Altro

0
Milan by night
Milan by night

Tutto comincia a Ottobre di 3 anni fa: mentre navigo sul web mi accorgo che i Black keys (un duo americano che suona rock indipendente vincitore di numerosi Grammy Awards e protagonista delle hit parade USA e UK) saranno in Italia dopo qualche mese, in un’unica data all’Alcatraz di Milano.

Il tempo di dare un’occhiata ai voli e di chiamare al botteghino per verificare la disponibilità dei biglietti, che il concerto da desiderio, diventa realtà.

Per chi si chiedesse se ne valesse la pena, anticipo subito che la risposta è affermativa: il concerto è stato strepitoso e gli artisti si sono confermati degni del successo che stanno ottenendo negli ultimi anni.

Ma il problema non è questo.

La sera dell’evento, sold out da Novembre, la prima impressione è assolutamente positiva: gente molto tranquilla, fila lunga ma veloce e soprattutto uno dei locali meglio attrezzati per i concerti che abbia mai visto.

Entro fiducioso che la serata possa essere davvero indimenticabile.

Prelive

Il gruppo di apertura non è granché così mi avventuro al bar aspettando che attacchino i Black Keys.

Appena iniziano col riff di Lonely boy, mi fiondo nella ressa per vivere nel miglior modo lo show.

Ma ecco che mi accorgo di una cosa strana: circa la metà del pubblico era impegnata ad immortalare il concerto con foto/videocamere, cellulari, ipad, ipod e chippiunehapiunemetta.

-Vabbè- mi sono detto, -magari per l’inizio ci può stare che qualcuno voglia portarsi a casa un ricordo e condividerlo con la rete-; in realtà mi sono trovato per il resto del concerto a zompettare da solo e addirittura ad infastidire le persone che erano intervenute alla serata, solo per girare i loro capolavori documentaristici amatoriali.

La domanda che mi pongo allora è: se vale la pena farsi 1000 km e spendere 200 euro per andare a vedere uno spettacolo, vale altrettanto la pena andarci solo per avere un ricordo registrato e non vissuto in prima persona? Perchè non comprarsi un bel dvd e vederselo comodamente a casa in poltrona?

I ragazzi in azione
Rock&roll
Rock&roll

Credo che la risposta sia negativa, ma allora, perchè molti lo fanno?

Secondo me il motivo è che siamo arrivati alla condivisione perversa. Mi spiego meglio: condividere un’esperienza, un film, un libro, un disco o qualsiasi altra cosa, è da sempre stata una delle mie attività preferite. Sono sempre in cerca di persone che vogliano consigliarmi una buona lettura o una buona visione e cerco, nel mio piccolo, di fare lo stesso. Ma lo faccio per avere un riscontro delle cose che vedo/sento/leggo, e sperare che le stesse cose possano piacere anche ad altri.

Per molti non è così: essi condividono esperienze non per arricchire gli altri, ma per testimoniare che erano presenti durante questo o quell’evento, per dimostrare che loro c’erano e tu no.

Non si parla più di dare agli altri, ma di ostentare stati di superiorità.

Non so però quanto sia divertente stare fermi con un braccio alzato per 2 ore, guardando attraverso un occhio elettronico ciò che invece si potrebbe vivere.

No davvero, preferisco vivere.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×