scrivi

Horror

Storie consigliate



Il Viaggio

Non parlano si avvicinano sicuri di quello che stanno facendo; la donna mi prende il piede tra le mani; con un gesto spontaneo, naturale come se sapesse quello che fa,...

Il Viaggio

Un urlo interrompe la conversazione «non ci posso credere! Un’altra anima smarrita con i binari illuminati, basta! Non posso permettere che le mie anime smarrite...

Il Viaggio

La creatura sembra molto più perplessa di prima «com’è possibile che un’anima smarrita come te abbia ancora la luce? Non sei un’anima diversa, non hai la presa...

Il Viaggio

Sento i piedi bagnati, le rotaie per la prima volta non riesco a vederle si perdono in un lago fatto di un’acqua limpida che produce dei riflessi simili ai miei...

Il mostro di Frankenstein

Anna si chiamava Mary Shelley e aveva visto quell’oggetto nella camera dei genitori, adagiato sul letto. Suo padre lo stava preparando per bene, mentre il pranzo si...

VIZIO ALLA RADICE

ORA SOLARE Era pressoché tutto il giorno che ci pensava. Nell'intervallo fra l'aloperidolo e lo stabilizzante dell'umore ne aveva, a iosa, di tempo per riflettere sulla...

FIORI DI PELLE

Feliks aveva una passione per Lora ma i tempi non erano maturi, o comunque pre/maturi. Lui, assistente sociale a Tomsk, era abituato a regolare il suo tempo su uno...

Among The Living

Quando nacqui c'erano molti che festeggiavano bevendo, ballando e ammazzandosi l'un l'altro: gli uomini sono sempre stati creativi in fatto di festeggiamenti. Che fossi...

La pietra viola

«Daisy, tocca a te. Obbligo o verità?» «Scelgo obbligo». Max rifletté per un momento. «Devi… Devi dare un bacio sulle labbra a Sarah». Daisy sgranò gli occhi...



Storie consigliate



Sonno

Ecco, è successo ancora! Non è trascorsa neppure una settimana dall'ultima volta questa e maledetta paralisi ritorna a farmi visita con lo stesso accanimento di un...

Giorno 365 - Giro di boa

Una tristezza soffocante fu la mia compagna di risveglio nel giorno trecentosessantacinque. Un anno. Ormai da un anno arrancavo in quella non-vita, stretta nella morsa...

Giorno 364 - Il crollo della civiltà

Sprofondare. Sprofondare in un buco senza fine, priva della forza di riemergerne. Quando aprii gli occhi, il giorno dopo la mia scorrazzata contromano in tangenziale...

Giorno 363 - Da zero a cento

Adrenalina. Dopo oltre due mesi, quel giorno mi svegliai piena d'adrenalina fino alla punta delle orecchie. Tutte le giornate che avevano separato il suicidio nella...

L'aperitivo

I miei RayBan sono sopra il tavolo del bar, ho una tovaglia terribilmente giallo arancione, il mio bicchiere di vino e sono le undici, sono stanco stufo annoiato guardo...

La curiosità

Ho sempre pensato che scrivere al buio mentre una fredda luce illumina parte del foglio fosse intenso e lo penso tuttora. Per motivi al di là della comprensione umana mi...

La notte delle zucche

Finalmente era arrivata la notte del 31 ottobre, quella notte che aspettava da tutto l'anno. Da tempo ormai aspettava come una pazza lo scoccare della mezzanotte, mentre...

Giorno 292 - Autodeterminazione

Le ultime parole della Signora delle Perle non mi avevano abbandonata: erano lì, nella mia mente, brucianti e precise come se le avessi appena ascoltate. Ecco perch...

Giorno 291- Di altalene emotive ed...

Giorno 291 - Di altalene emotive ed esperimenti non programmati Rabbia. Cieca, bruciante, travolgente. Fu in preda a una furia indescrivibile che mi svegliai, il...


!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×