scrivi

Una storia di GioMa46

Questa storia è presente nel magazine TUTT'ALTRE STORIE

'Panta rei' / 'Tutto scorre'

(... aura, alos, chakra)

105 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 21 luglio 2019 in Poesia

0

PANTA REI

(Aura, Alos, Chakra)


Bright emanation that is embodied in the conclusive being

from the spaces of primordial loneliness that it pushes him inside the present courtly of the exegesis archetype lavishes (alos)

for a metamorphosis of the marvelous one that all runs over the spellbound

world of the fable of the legend and of the myth

inside an existence lived in which

‘all stirs and nothing stays firm' (panta rei)

whence the becoming is contrasted to the being for a dynamic excess

what it springs in thin energy as of invisible vortex what a wheel (chakra)

from the center of the conscience to the elements of the subject

that give place to the colors of the imaginary one

to the perfumes that inebriate the ephemeral bodies of the reality

to the deep harmony of the sounds from which the voice raises him

in the song to the light that makes to wave the (aura)

in the shine of the skies of which the love of the human ones

is dressed again inside the apparent reality only

of the unknowable and inexorable one

perpetual becoming of the change.




TUTTO SCORRE

(Aura, Alos, Chakra)


Emanazione luminosa che si concreta nell’essere determinato

dagli spazi di solitudine primordiale che si spinge dentro il presente

aulico dell’esegesi archetipica profonda (alos)

per una metamorfosi del meraviglioso che tutto investe

il mondo incantato della fiaba della leggenda e del mito

all’interno dell'esistenza vissuta

in cui ‘tutto si muove e nulla resta fermo’ (panta rei)

onde il divenire si contrappone all’essere per un eccesso dinamico

che scaturisce in energia sottile

come di vortice invisibile che ruota (chakra)

dal centro della coscienza agli elementi materici che danno luogo

ai colori dell’immaginario

ai profumi che inebriano i corpi effimeri del reale

all’armonia profonda dei suoni da cui si leva la voce nel canto

alla luce che fa vibrare l’(aura)

nello splendore dei cieli di cui si riveste l’amore degli umani

dentro la realtà solo apparente dell’inconoscibile e inesorabile

divenire perpetuo del mutamento.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×