scrivi

Una storia di Ceciliasartori

Sto aspettando.

A volte vivere qualcosa del genere ti condanna, una volta finito, a ricercarlo in ogni volto che incontri.

240 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 10 marzo 2019 in Storie d’amore

0

Un tempo c'era un ragazzo che mi piaceva un sacco. Se ripenso ora a quei momenti non ne vengo a capo ma mi piaceva tutto di lui: il suo modo di fare, che ora considero scontroso e un po' stupido, il suo fisico, addirittura come mi snobbava inizialmente.

Ho poi iniziato con questo ragazzo una storia, se così si possa definire, una storia estremamente non storia.

Ora, a posteriori, posso dire che per me era diventata un'ossessione più che una storia d'amore, e per lui... per lui non so cosa sia stata; nel percorso sembravo un nulla anche se dopo che è finita mi ha cercato tanto.

Parlo di ossessione perché mi facevo andare bene tutto di lui, tutto ciò che faceva, tutto ciò che diceva, ma soprattutto non diceva. Mi facevo andare bene che non mi dimostrasse amore, mi facevo andare bene che ci vedessimo a sprazzi, mi facevo addirittura andare bene che questi sprazzi ero sempre io a doverli chiedere.

Ritenevo che dimostrasse l'amore con il sesso, un bel sesso costante ed avvolgente, ma ovviamente non era così.

Non siamo mai andati a cena, non abbiamo mai fatto una passeggiata mano nella mano e le ricorrenze le ho vissute in silenzio per non sembrare inopportuna: mi stavo totalmente annullando cercando di intravedere ed interpretare ogni suo gesto come una dimostrazione, un qualcosa. Inutile dire che per lui non era niente e che io cercavo di ricavare dal niente dell'amore.

Questa cosa è andata avanti per più di un anno e nella mia testa continuavo a ripetermi che ero pur attaccata a lui per qualche motivo maledetto. Poi ho capito.

Avevo conosciuto questo ragazzo in un momento particolarmente delicato della mia vita, i miei si stavano separando e io cercavo solo uno sprazzo di tranquillità in assenza di urla e, per me, la tranquillità erano le urla che riusciva a suscitarmi a letto quella persona che, per un anno, non ha saputo chiedere, appoggiarmi, consolarmi per nulla che poteva succedere nella mia vita.

Ora, io non credo che questa sia una brutta persona, anzi, forse è uno dei miei pochi ex con cui ho un rapporto tuttora, ma adesso so che non era una storia, non come è giusto che sia.

Sapete chi mi ha insegnato tutto?

D. mi ha insegnato tutto. L'ho incontrato subito dopo la fine di questa disastrosa semi storia ossessiva e lui mi ha raccolto, come si fa con un fiore delicato.

Iniziato un po' per gioco, mi ha mostrato un terreno a me sconosciuto, facendomi provare l'affetto, la dedizione che si può avere nei confronti di un altro essere umano: attenzione ed amore allo stato più puro. Non mi sono mai sentita a casa come nelle sue braccia, non c'era persona intorno a me che riuscisse a calmarmi come lui. Abbiamo vissuto una storia meravigliosa, ricca di amore reciproco, stima e di una routine solo nostra: leggera, folle, fatta di litigi che spezzano ma spazzati via da qualche lacrima e dal troppo amore.

Non ci parliamo più e ognuno è andato avanti: questo amore è finito come tendenzialmente finiscono tutti gli amori folli.

Non porto alcun rancore ora per questa storia, così come non lo porto alla persona che l'ha vissuta al mio fianco, condividendo ogni passo.

Analizzandomi a posteriori posso dire che dalla separazione dei miei genitori faccio estremamente fatica a rimanere da sola, ho costante bisogno di un appoggio, di una persona presente che mi ami con tutto il disastro che mi porto dietro.

Inutile dire che tutti quelli che sono venuti dopo fossero solo o una distrazione o un incerto rimpiazzo, o magari anche un reale secondo tentativo, di quell'amore totalizzante, che ti fa sentire forte e sicura.

Auguro a tutti un amore così, di provarlo una volta e di riprovarlo ancora una seconda, dopo che la prima va alla deriva.

Sto aspettando.



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×