scrivi

Una storia di MarianoSalina

Ora mi arrabbio proprio

storia di un cane che non aveva capito.

188 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 06 aprile 2019 in Avventura

Tags: #avventure #cani #emozioni #pensieri #sbagli

0

Ebbene si, io mi chiamo come una divinità, il mio nome è fantastico, perchè io sono un cane grandissimo e sono forte come un dio. Mi chiamo Zeus. Il mio padrone mi ha chiamato così perchè lo sapeva che diventavo un cane tosto, come quelli, che quando sono al parco abbaiano in continuo come dire.-Ehy, levati di qua, ci sono io, non lo vedi!-

Dunque stavo parlando di me, Zeus, il cane con la 'C' maiuscola.

Un giorno mi è successa una cosa che vi voglio raccontare, ma vi dico subito che non l'ho fatta a posta, chiedo scusa già in anticipo. Intanto vi metto una mia foto, aspetta che la cerco.

Zeus
Zeus

Eccomi qua col cappotto, ma me lo avevano messo per forza e ho dovuto cedere. Io vivo in una famiglia di quattro persone, un papà, una mamma, e due fratellini, uno maschio e una femmina. A me insegnavano un po' di tutto, tipo a fare il seduto, tipo che bisogna aspettare per mangiare quando c'è la ciotola, ma mi insegnavano anche un po' a fare la guardia e a difendere le persone, anche se a me piaceva leccare tutti, sono un baciatore di professione.

Beh comunque ragazzi ho fatto una cavolata grossa. A me piaceva più di tutti la mia sorellina, perchè mi faceva sempre giocare all'infinito e un giorno mentre eravamo in giro e lei mi stava dando una crocchetta feci una cosa che non dovevo fare. Passò una persona vicino a noi e io pensai che mi volesse rubare la mia crocchetta e per sbaglio la morsi. Piano, pianino. Un morsetto, piccolo. Tutti si arrabbiarono con me, ma io non lo feci a posta, io volevo solo quella crocchetta e pensavo volessero rubarla a me e alla mia sorellina. La dovevo anche difendere non si sa mai. Insomma nei giorni successivi tutti ce l'avevano con me e nessuno mi si avvicinava più e nessuno voleva più i miei baci. Tutto per uno sbaglio, tutto perchè la mia natura è questa e perchè poi in fondo era quello che mi avevano insegnato. Ma mi sono arrabbiato, solo un pochino. Scusate.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×