scrivi

Una storia di SiriusLee

PalMario

Ho visto cose che voi umani non fate altro che scattare

252 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 11 dicembre 2018 in Humor

Tags: #CigniCiniciCinefili #HoVistoCose #Humor #PalMario

0

Forse stai pensando che sia una passeggiata starsene dentro una tasca, comodi comodi, al caldo: zero preoccupazioni, zero fatica, zero seccature. Ma non credere che sia così.

Provaci tu a startene in uno spazio buio e stretto in compagnia di chiavi che pungono, fazzoletti usati, un portafoglio di pelle sudato sempre vuoto, che non puoi neanche fare quattro chiacchiere con le banconote.

Come mi piacciono, le banconote: così riservate, ben educate e soprattutto sottili. Non come le monete, tutte diverse, così rumorose e cafone, o come le tessere e le carte di credito, così rigide ed altezzose: pure la tessera della Carrefour se la tira.

Se ripenso a come stavo bene in quel luogo così ordinato, così pulito, così bianco. A come stavo bene sul mio piedistallo, giorno e notte all'aperto ad osservare il mondo circostante e le sue strane creature vagare come giostre impazzite per i corridoi. Io il loro re e loro i miei sudditi, adoranti al mio cospetto, troppo inferiori anche solo per toccarmi, distanziati da una parete invisibile.

Solo quei sacerdoti in polo blu e arancione avevano il permesso di sfiorarmi, decantare le mie qualità, onorarmi in occasione delle feste.

Era concesso unicamente a loro, a quegli strani esseri tutti occhiali-muniti e con una cordicella rossa intorno al collo. Ed un cartellino appeso alla polo, con un nome scritto sopra.

Poi, arrivò quel giorno, il giorno dell'epilogo. Il giorno in cui improvvisamente la parete invisibile sparì, il sacerdote mi rinchiuse in un sarcofago di polistirolo e mi seppellì vivo in una tomba di cartone.

Ricordo quel giorno come fosse ieri. Era un venerdì. Sentivo che le persone continuavano a chiamarlo "venerdì nero"; probabilmente quel giorno faceva nuvolo, chissà.

Riesumato da quel feretro, fui felice di rivedere la luce, ma durò troppo poco per godersi il momento. Pochi minuti e mi ritrovai in una tasca di jeans maleodoranti, che calavano di 10 centimetri buoni per via del mio peso. "Bene", pensai, "prigioniero e pure ingrassato".

Ne ho viste di cose, da quel giorno, sai. Pensi che abbia puntato lo zoom soltanto su paesaggi meravigliosi, tramonti mozzafiato, ragazze bellissime? Anche. Ma non solo.


Mi è capitato di vedere libri di scuola mai aperti, adolescenti addormentati o incazzati, professori derisi, orari di treni in mega-ritardo e autoradio impazzite.

Ho visto gente che dorme, gente che studia, gente che cazzeggia in biblioteca, gente che balla, beve e poi vomita, gente che mangia e poi va in palestra, gente che guida e dovrebbe fare solo quello.

Ho visto cagnolini, gattini, pesciolini, cavalli, ornitorinchi; alberi di Natale, uova di Pasqua, pizze, sushi, gelati, hamburger e patatine (freddi).

Ho visto gratuitamente più concerti e partite di calcio io che molte persone che hanno pagato per assistere. Ho visto anche dei film, e potrei andare in galera per questo.

Ho visto baci che durano una vita di relazioni che durano un giorno.

Ho visto feste, compleanni, matrimoni, capodanni e pizzate fra amici; ho visto anche la solitudine del giorno dopo.

Ho visto una richiesta d'aiuto dentro un ascensore, davanti ad uno specchio.

E guardando anche me stesso ho capito che non ero ingrassato, avevo solo una cover sulle spalle.


Ho visto molte altre cose, le ho memorizzate tutte; alcune mi fa piacere ricordarle e farle ricordare, per altre avrei preferito essere già pieno, quel giorno.

Ho visto cose che voi umani immortalate di continuo, per poter ricreare i bei momenti condivisi, certo, ma anche perché vi sentite rinchiusi in una tasca troppo stretta, come lo sono io. Che sto parlando a te, lurido fazzoletto usato, che racchiudi un tesoro fatto di menta e xilitolo.

Avrei preferito non vederlo.




Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×