scrivi

Una storia di RosarioTambaro

Questa storia è presente nel magazine RACCONTO HORROR

QUELLA PORTA...

329 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 07 novembre 2018 in Horror

0

Mi capitava in quel periodo di vagare nei bassifondi della città di Boston ammirando le visioni deformate delle vetrate di una finestra o i riflessi bizzarri della luce lunare sul selciato.
Una notte particolarmente triste mi misi sulle tracce di una mia vecchia conoscenza che sapevo trovarsi da qualche parte nel sottobosco urbano.
Si trattava del pittore Richard Upton Pickman, ritiratosi in solitudine alcuni mesi prima. Aveva privato della sua presenza e del suo genio il Circolo dell'Arte cittadino ed i suoi amici così pensai che sarebbe stato bello portare sue notizie ai comuni mortali, sempre che l'avessi trovato.
Mi aggiravo ormai da un'ora buona per gli angusti passaggi di uno dei più bui isolati con la mia fervida immaginazione di disegnatore al galoppo, tesa a distorcere in modo inquietante le tormentate figure che si trascinavano nell'ombra.
Mi sorprendevo a pensare alle cupe rappresentazioni di Pickman: opere la cui forza evocativa innalzava l'autore a mente superiore.
Egli era un uomo la cui volontà ricordava qualcosa di ultraterreno; per questo mi domandavo se quelle sagome maledette erano solo barboni affamati troppo stanchi per attaccarmi o tutte possibili "forme" di Pickman...
Non mi aspettavo certo di trovare l'indicazione per il suo studio su qualche soglia ma ero alla ricerca di un qualsiasi indizio che avesse potuto anche vagamente indirizzarmi verso il rifugio dell'artista.
E non tardò ad arrivare.
Scorsi contro una sudicia parete una coperta di quelle che si usano per coprire i bozzetti, un cavalletto sfasciato ed una coppia di minuscoli strumenti usati per raschiare le tele.
La porta lì vicino era chiusa dall'interno ma nella penombra trovai una finestrella che dava su un sotterraneo.
Ruppi il vetro e con molta difficoltà mi calai nel locale scarsamente illuminato.
Era chiaramente un magazzino: intorno a me erano gettate alla rinfusa almeno venti tele del genio... lavori che non avevo mai visto ma che ritraevano il suo soggetto abituale.
Mostravano creature deformi oltre ogni immaginazione sana che digrignavano i denti e fissavano con odio oltre la tela.
Una semplice lampada ad olio gettava il suo bagliore spettrale su quel dimenticato esercito di orrori sotterranei.
Se solo avessi avuto io il dono di rendere tanta malignità con la mia arte! Una porticina che non avevo notato scricchiolò aprendosi e mi trovai davanti l'uomo che stavo cercando. Era un vecchio visionario avvolto in una vestaglia grigia di fattura evidentemente anglosassone.
"Ti ho sentito arrivare. Perchè mi hai voluto raggiungere qui?" sospirò.
Risposi spiegando che i colleghi del circolo avrebbero gradito avere più notizie riguardo alla sua ultima produzione.
"Eccola mia ultima produzione" disse illuminando quattro tele più piccole che prima erano rimaste nell'oscurità.
Quei quadri erano stati bruciati, tutto ciò che era possibile distinguere era una grossa chiazza nera nel centro.
Pickman mi spiegò che li aveva incendiati lui stesso dopo averli ultimati.
Dipingeva in stato di trance ed i risultati erano talmente inquietanti che lui stesso doveva distruggerli.
"Nella fase del sonno vedo cose che appartengono solo al mondo dei sogni...".
Non mi convinse il suo modo di fare e gli chiesi cosa lo spingesse a dar fuoco alle sue creazioni nella realtà.
"Non potrei spiegarti. Non sono io a decidere consciamente ciò che poi dovrà prendere vita dal mio pennello... "
Guardai l'anziano con stupore. Non lo seguivo più.
Mi raccontò cose stranissime di come attraverso i sogni aveva visioni del futuro e per dimostrazione mi mostrò un suo quadro gigantesco dal titolo "passato, presente ed avvenire".
Quando levò il velo da quella sua bizzarra creatura sussultai.
C'erano raffigurate tre stanze.
In una prima una figura scura si aggirava per strade invase dai raggi di luna, come una spirito errante. Riconobbi alcuni particolari della nostra malinconica città.
Nella seconda quella stessa figura si trovava in una specie di grotta a parlare con un vecchio vestito di grigio e con una grossa lente piantata in un occhi.
Nell'ultima stanza la figura se ne stava ignara ad ammirare un affresco mentre un orrida ed indistinta cosa stava per abbattersi su di lui alle spalle.
Guardai dietro di me...


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×