scrivi

Una storia di Maricapp

Questa storia è presente in 3 magazine

Guarda tutti

BRAVE RAGAZZE

#Tempodiinizi

588 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 04 gennaio 2019 in Fantasy

Tags: #tempidiinizi

0


Vorrei ricominciare.

Magari non daccapo, sarebbe impossibile per me, ma da dove ho iniziato a perdere il controllo.

Almeno cosi’ giudicarono gli altri del villaggio il mio essere divenuta improvvisamente taciturna e solitaria: perdere il controllo!


Io semplicemente non volevo piu’ avere a che fare con quella parte di persone, uomini e donne, che mi giudicava male e precisamente una sgualdrina perché avevo sorriso, dopo la Messa sul sagrato della chiesa, a Samuel, il nipote del pastore Bennet.

Mi era simpatico Samuel: aveva un bel sorriso ed era gentile con me, quando mi vedeva da lontano si toglieva sempre il cappello!


Mi isolarono, piu’ di quanto non lo fossi già, in quanto giovane e bella in una comunità di anziani e pettegole.

Io non volevo piu’ vederli, né sentirli cosi’ mi ritirai nella casa che era stata di mia madre e che ora mi apparteneva: la casa nel bosco.


Da allora iniziarono i guai.

Un giorno il pastore Bennet scomparve nel nulla cosi’ come spari’ improvvisamente anche la sua vecchia domestica Abigail.

Li ritrovarono dopo due settimane sulle rive del torrente che scorreva dietro la mia casa.

Sgozzati come loro sgozzavano galline.


Ci volle poco per tirare conclusioni sbagliate: io per tutti divenni la cattiva, la colpevole e quando dopo due soli mesi il carbonaio Aaron, si’ proprio quello che aveva tentato di allungare le mani su di me pensando che sia lecito molestare un'orfana perchè tanto nessuno la difenderà, venne rinvenuto impiccato all’albero piu’ alto del bosco, e tutti si chiesero come fosse possibile che stesse cosi’ in alto, io divenni per tutta Salem la strega!


A morte la strega!

Cosi’ sono qui, come tante altre prima di me, legata ed insultata, condannata al rogo nella piazza principale, circondata dai terribili abitanti di questa maledetta cittadina, che siano tutti maledetti, sono finita qui, giudicata da un tribunale che non sa nulla di me, sono qui e grido, grido :

-Maledetti, oggi primo giorno dell’anno 1692 io, Mary Alcott prometto che tornero’ quando voi sarete già tutti morti e ricomincero’. Magari altrove, ma ricomincero’, prometto...-

Il fumo mi impedisce di parlare, di vedere, il rumore mi assorda, il fuoco brucia la paglia, mi lambisce la gonna, sale, brucia, brucia!


Vorrei ricominciare.

Dopo tutto questo tempo che per me non passa mai, vorrei iniziare una nuova vita, essere diversa da quella che sono!


L’uomo che mi aveva seguita prima nella metro affollata da tutta quell’umanità indifferente che se ne tornava a casa da mogli mariti figli amici amanti gatti e cani, occhi incollati al display del cellulare, orecchie e menti sorde a tutto cio' che li circondava, ciascun individuo con le sue miserie quotidiane e le sue misere infime speranze, l’uomo che voleva, lo so perché percepisco le intenzioni, prima rapinarmi e poi lasciarmi tramortita da calci e pugni in qualche angolo buio e sporco della città, ora se ne sta scompostamente accasciato contro il muro, rossa poltiglia vischiosa, investito ed ucciso sul colpo da un’auto salita a tutta velocità sul marciapiede e fuggita con la stessa velocità, senza lasciare traccia.


La polizia scientifica sta isolando tutta la zona, una tizia mi apostrofa sgarbatamente invitandomi a togliermi di mezzo.

I miei occhi, per un attimo solo divenuti rosso fuoco, creano un vuoto dietro di lei, facendola cadere malamente.

Vedo la gamba ruotare in una posizione sconcertante e quasi ridicola e sento lei urlare per il male.

E’ solamente una gamba rotta!


Mi avvio sorridendo verso l’attico che ho ereditato da mia madre, in pieno centro città.

Mi aspettano vecchie amiche, alcune originarie di Salem, che ho ritrovato nel corso degli anni, se anni si vogliono definire, per una festa che solo noi sappiamo ed abbiamo saputo sempre fare: dal cuore della notte alle prime luci dell'alba.

Ma io, Mary Alcott, prometto che oggi, primo giorno dell’anno 2019, sarà l’ultimo giorno in cui ho usato cio' che mi appartiene per nascita.

Io tornero’, magari altrove, e saro’ la brava ragazza che ho sempre sognato di essere.



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×