scrivi

Una storia di Purpleone

Iglesias: riti della Settimana Santa

(quando ancora non c'era il Covid)

54 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 02 aprile 2021 in Spiritualità

0

“…Le grandi processioni della Settimana Santa, particolarmente nelle vecchie Città regie della Sardegna, sono uno dei segni più importanti che la cultura spagnola ha lasciato nell’isola dopo quattro secoli di dominazione.

Iglesias non fa eccezione: è spagnolo il suo nome che vuoi dire appunto chiese, è spagnola la sua tradizione più importante: La Settimana Santa…”(*)

(*)www.arciconfraternitasantomonteiglesias.org

Germani
Germani

“…E’ una celebrazione che dura per tutta una settimana e che ha inizio con la Processione del Martedì Santo, detta anche dei Misteri. In questa occasione, i Germani, (dallo spagnolo Hermanos) confratelli dell’Arciconfraternita del Santo Monte (organizzatori essi stessi di tutta la manifestazione fin dalle sue origini), aprono il corteo, che vede passare per le vie del centro i sette simulacri, simbolo della Passione di Cristo. Indossano il tradizionale abito bianco inamidato e sa visiera, ovvero un cappuccio che copre tutto il viso. I simulacri rappresentano, nell'ordine: la Preghiera, la Cattura, la Flagellazione, l'Ecce Homo, la Salita al Calvario, la Crocifissione e la Vergine Addolorata, e vengono portati in spalla dai cosiddetti Baballottis (che in sardo campidanese significa animaletti), anch’essi vestiti e incappucciati di bianco.

Martedì Santo
Martedì Santo

Il Giovedì Santo è la volta della seconda processione, durante la quale i Baballottis accompagnano la Madonna Addolorata in giro per le sette Chiese alla ricerca di Gesù. Il suono dei tamburi e della matraccas, antichi strumenti tradizionali, caratterizzano questo momento.

Giovedì Santo
Giovedì Santo

Il momento più intenso di tutta la Settimana Santa, però, è rappresentato dalla giornata del Venerdì, in cui va scena la rappresentazione, in stile sacro barocco, del funerale di Gesù. Sono i Vexillas (gli stendardi) a dare inizio alla processione, seguiti da due bambini, per tradizione maschi, che interpretano San Giovanni e Maria Maddalena e che indossano abiti dalla foggia preziosa in stile orientale. Seguono Giuseppe D’Arimatea e Nicodemo, con in mano i martelli e le tenaglie utilizzati per togliere il corpo di Gesù dalla croce. In fondo al corteo, Gesù stesso nel suo baldacchino bianco, seguito dai Germani, che portano il simulacro della Madonna Addolorata…”(**)

(**)www.hotelitaliacagliari.com


Venerdì Santo
Venerdì Santo

Infine “…La mattina della Domenica di Pasqua si svolgono due processioni: una con il simulacro della Madonna e i ragazzi che impersonano la Maddalena e San Giovanni, l'altra con Gesù Risorto. Le due processioni seguono itinerari diversi fino al momento in cui avverrà Su Incontru quando i due gruppi, da posizioni opposte, si inchinano per tre volte mano a mano che si avvicinano, per unirsi poi e formare una processione unica che si avvia verso la Cattedrale dove verrà celebrata una Messa."(***)

(***)www.sardegnacultura.it

Domenica di Pasqua
Domenica di Pasqua

grazie per essere arrivati fin qui e...buona Pasqua.





.





Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×