scrivi

Una storia di IBonamiciFredducci

Questa storia è presente nel magazine STORIE INTERESSANTI

Kim & Teddy...

23 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 11 ottobre 2020 in Storie d’amore

0

Questa è la storia di Kim e Teddy.

Kim di cognome fa Sjostrom, ha 36 anni ed è Americana, di origini Greche.

Teddy di cognome fa Efkarpides, ha 43 anni ed è Americano di origini Greche pure lui.

Sono entrambi molto fieri delle proprie Origini.

Sono entrambi nati e cresciuti a New York, nel Bronx, anche se Teddy è nato a Brooklyn.


Kim insegna ai bambini della prima classe della Scuola elementare di Davie, in Florida.

Teddy è un carpentiere, oltre che un Veterano della Marina Statunitense.

Vivono a Sunrise, non lontana da Davie…


E’ il 19 Gennaio 2008 ed i due si sono conosciuti 3 anni prima.

Stanno per sposarsi.


La Cerimonia è stata progettata per molto tempo ed allestita in maniera perfetta: ogni più piccolo particolare è stato curato.

Ci hanno pensato gli altri insegnati della scuola dove insegna Kim…

Alcune colleghe si sono occupate di truccare e acconciare i capelli della sposa mentre, alle loro spalle, da una TV viene trasmesso “Il mio grosso grasso matrimonio greco”.

Il Matrimonio viene celebrato dall’Insegnate di Musica della stesso istituto, che è anche un Sacerdote ed è il caso di dire “nomen omen”, perché si chiama Dominic Church…


Al suo ingresso Kim porta con se un bouquet di fiori bianchi e blu, in onore della Bandiera Greca. Anche tutto il giardino dove si svolge il Matrimonio (il giardino della villetta di un’altra insegnante della scuola Elementare di Davie) è ornato degli stessi colori: la donna è raggiante.


La Coppia si fa la Promessa, si scambia l’anello…c’è il bacio…

Momenti indimenticabili, tutto perfetto…


Ma il Destino, o chi per lui, si diverte spesso in modo incomprensibile: meno di un’ora dopo le Nozze, durante il Primo Ballo fatto assieme durante il rinfresco, Kim e Teddy sono abbracciati stretti stretti, nei loro magnifici abiti. Si guardano negli occhi, sorridenti. Sul viso della donna compare un’espressione preoccupata: si sente la testa stranamente leggera e lo dice al marito; poi tutto inizia a girare e perde i sensi, tra le braccia di Teddy.

Kim è diabetica e lotta con questa malattia praticamente da tutta la sua vita.

Teddy pensa subito che il suo mancamento sia dovuto ad un calo di zuccheri nel sangue; ma purtroppo Kim non ha bisogno di zuccheri…

Kim è vittima di un infarto.


Teddy e alcuni invitati provano a rianimarla con massaggio cardiaco e respirazione bocca a bocca, la trasportano all’Ospedale (che non dista molto dal luogo del Rinfresco)…

TUTTO INUTILE


KIM MUORE.

MUORE MENO DI UN’ORA DOPO AVER SPOSATO TEDDY…SPIRANDO TRA LE SUE BRACCIA, DURANTE UNA CANZONE GRECA CHE SI INTITOLA “AMAMI”.


Da ragazza, più o meno sui vent’anni, Kim aveva avuto un altro attacco cardiaco, dal quale si era ripresa.

Era stata la protagonista di una campagna pubblicitaria per sensibilizzare la gente a proposito del diabete giovanile: il poster con il suo viso era stato appeso perfino nelle stazioni della metro di New York…


Che cosa significa morire di infarto meno di un’ora dopo le proprie Nozze, spirando tra le braccia del proprio marito?

Perché?

Che senso ha?

Lasciamo perdere la cappellata del “Forse era arrivato il suo momento, e chi di dovere le ha concesso comunque di vivere la Gioia delle Nozze”, per favore…

In fin dei conti è una morte poetica…

Terribilmente poetica…però è una cosa che sta bene in un film o in una serie tv; non nella realtà.

Porelli...raramente provo empatia per gli Homo Sapiens ma, ricordando questo episodio, per questa sfortunata coppia l’ho sentita eccome!


Nel primo Natale passato assieme, Kim aveva regalato a Teddy una lettera con su scritto 101 ragioni per cui lei lo amava…

Alla numero 1 c’era “perché mi fai sorridere”…

Alla numero 98 c’era scritto “PERCHÉ’ TU SEI LA PERSONA CON CUI VOGLIO INVECCHIARE ASSIEME”…


Teddy ha lasciato scritto queste parole sul web:

My life will never be the same without U. You’ve left an impression on the whole World, and this loss is felt deeper than ever imagined. Be well, my Love… May God keep U in his tender care, TILL HE BRINGS US TOGETHER AGAIN”


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×