scrivi

Una storia di LeonardoDrei

Cilento e Vallo di Diano

... Esploriamo il Sud Italia ...

120 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 20 marzo 2019 in Scienza

0

Cilento e Vallo di Diano

La riserva della biosfera del Cilento e Vallo di Diano si trova nell'Italia centro-meridionale, al confine con il Mar Tirreno. È caratterizzato da basse montagne dolomitiche con caratteristiche carsiche tipiche come doline e grotte. La costa è costituita da scogliere, baie e spiagge sabbiose, con grotte marine e sorgenti d'acqua dolce. La vegetazione mediterranea sclerofila è divisa in molti habitat a seconda dell'altitudine, che vanno dalla gariga costiera secca, ai boschi di leccio, boschi misti di querce, carpini e ontani, banchi naturali di faggi europei e praterie d'alta quota. La fauna è nota per i suoi uccelli, in particolare i rapaci. Il patrimonio culturale è particolarmente ricco, con tracce di occupazione umana risalenti al Paleolitico, con vestigia archeologiche e storiche di un susseguirsi di civiltà. Data di designazione: 1997 Autorità amministrative: Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Ministero dell'Ambiente. Superficie (terrestre e marina): 395.503 ha Core area (s): 22.859 ettari (terrestre: 19.294 ettari, marino: 3.565 ettari) Area (e) di tamponamento: 164.760 ha (terrestre: 158.891 ha; marina: 5.869 ha) Area / e di transizione: 207.884 ha (terrestre: 141.654 ha; marina: 66.230 ha) Posizione Latitudine: 40 ° 01'17 "N Longitudine: 15 ° 16'44 "E Punto centrale: 40 ° 01'17 "N - 15 ° 16'44" E


Caratteristiche ecologiche
La riserva della biosfera si trova nella Regione Campania, nel sud Italia, e comprende il territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, le sue aree contigue e le aree protette dal mare. La costa è costituita da scogliere, baie e spiagge sabbiose, con grotte marine e sorgenti d'acqua dolce. Una delle caratteristiche più interessanti di quest'area è l'alto livello di diversità biologica, fortemente correlato alla variabilità, alla litologia, alla geomorfologia e al clima, poco riscontrabile in altre parti della penisola. Vi sono 28 siti di importanza comunitaria, tra cui due siti marini riconosciuti dalla direttiva Habitat della Commissione europea e otto zone di protezione speciale riconosciute dalla direttiva Uccelli della Commissione europea. Tra le specie animali minacciate di estinzione figurano la lontra europea (Lutra lutra), la lepre corso (Lepus corsicanus), il pipistrello mediterraneo a ferro di cavallo (Rhinolophus euryale), la coturnice (Alectoris graeca orlandoi) e il falco Eleonora (Falco eleonorae). Caratteristiche socioeconomiche La riserva ha una lunga storia di emigrazione ed è caratterizzata da una dinamica demografica molto limitata nel lungo periodo. Tra il 1861 e il 2001, la popolazione residente nei comuni è aumentata solo del 20%. Circa 220.000 abitanti ora vivono permanentemente nella riserva. Le principali attività economiche sono l'agricoltura (pastorizia, olio d'oliva, vino) e il turismo, soprattutto durante l'estate. Uno sforzo particolare è stato fatto per creare opportunità di lavoro nelle zone rurali interne stimolando le imprese locali, ripristinando il patrimonio rurale, riattivando l'agricoltura, la silvicoltura e la pesca e promuovendo l'ecoturismo. La produzione di olio d'oliva nel Cilento è una lunga tradizione, che risale al Medioevo quando i monaci benedettini coltivavano uliveti. Negli ultimi anni, la regione ha sofferto per l'importazione di oli d'oliva economici e per l'emigrazione della popolazione locale. Per affrontare questi problemi, una cooperativa locale di olio d'oliva ha introdotto tecniche di agricoltura biologica, vendendo l'olio con il proprio marchio di qualità. Un centro di ricerca è stato istituito per studiare gli uccelli rapaci e la migrazione di uccelli tra l'Africa e l'Europa. La riserva della biosfera contiene un numero eccezionale di reperti storico-culturali legati all'ambiente fisico, ad esempio l'area archeologica di Paestum, ai piedi del Monte Maddalena, e una serie di villaggi storici di notevole interesse.



Un aneddoto simpatico è che li vicino è stato girato il celebre film con Claudio Bisio "Benvenuti al sud", e ha permesso una maggior affluenza di persone nella zona


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×