scrivi

Una storia di utente_cancellato

Tre libri

136 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 26 novembre 2018 in Altro

Tags: #autori #lettura #libri #poesie #trelibri

0

Mi sono appassionata alla lettura appena ho imparato a leggere: ero tanto piccina e i libri mi rendevano felice.
Ho trovato conforto nella lettura, ho reso i libri i miei migliori amici. La lettura non delude mai, è sempre di conforto a tutti i mali, nessuno escluso.
Sono troppo giovane per dire di aver letto tanti libri, ma sicuramente supero la media. I libri li divoravo. Ora con l'università faccio davvero fatica, ma ogni tanto riesco ancora a creare il tempo per leggere.
Ho avuto il piacere di leggere, fin ad ora, libri che hanno lasciato il segno. Nonostante li abbia letti, continuo a sfogliarli e leggere alcune pagine a voce alta in casa: ormai ho consumato l'inchiostro delle parole stampate su quelle pagine. Mi fa stare bene rileggere infinite volte passi che per me hanno un significato. E soprattutto, mi fa stare meglio portare quei libri con me ovunque. Non per rileggerli da capo, ma sapere che sono lì, con me; sapere che, quando me la sento, io possa tirarli fuori e rileggere quelle righe fino alla nausea.
Sono una studentessa fuori sede, dunque non posso portarmi dietro tutti i libri che amo. Ne ho scelti tre: Niente di Janne Teller, Oceano Mare di Alessandro Baricco e Cento Poesie D'Amore A Ladyhawke di Michele Mari.
Non saprei dirvi i miei libri preferiti, ne ho tanti per la testa: ma sicuramente quelli che ho appena elencato rientrano in quella categoria. Non so se in un altro momento della mia vita sceglierei di nuovo questi, ma ora mi sento di poter rivedermi pienamente in ognuno di essi.


Niente di Janne Teller è un libro molto particolare. Significativo, macabro, filosofico, sorprendente... chi ne ha, più ne metta. Credo che si meriti tutti gli aggettivi del mondo. È quel libro che all'inizio della lettura mi solleva da terra verso il cielo. E nel proseguire sembra andare tutto bene, ma ad un certo punto smetto di volare e cado bruscamente a terra. Questo libro mi spaventa e, allo stesso tempo, mi rassicura. E sono felice che sia un libro a provocarmi queste emozioni, perché ne vale davvero la pena.


Oceano Mare di Alessandro Baricco. Esiste un libro migliore? È una poesia dall'inizio alla fine. Ti prende per mano e non te la lascia, anche dopo aver finito di leggerlo, in attesa del tuo ritorno. Mi perdo ogni volta in quelle parole e in quei racconti. È favoloso, da togliere il fiato. Questo è il libro che sfoglio più di tutti. Quello che leggo a voce alta e recito davanti allo specchio. Quello di cui parlo e consiglio a chiunque mi capiti davanti. Un libro di cui ho sempre bisogno, perché sa come prendermi.


Cento Poesie D'Amore A Ladyhawke di Michele Mari è quel libro di poesie che scambio con altri e che riprendo solo quando sono del giusto umore per rileggerlo.

Le poesie mi piacciono davvero tanto. Nella storia della letteratura ci sono così tanti poeti bravi e profondi... il terzo libro che mi accompagna sempre è riservato a qualsiasi libro di poesie che mi capita tra le mani, perché abbiamo tutti bisogno delle poesie. Il mio poeta preferito in assoluto è Nâzım Hikmet, ma ciò non toglie il mio amore per gli altri poeti, li ammiro tutti profondamente, uno ad uno. Al momento le poesie di Mari mi fanno stare bene, mi consolano.


Credo che tutti abbiano almeno tre titoli di libri con cui possono descriversi senza dover aggiungere una parola. E questo fatto è magico, i libri sono davvero fantastici.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×