scrivi

Una storia di Zayferry

Una brutta giornata

319 visualizzazioni

4 minuti

Pubblicato il 30 marzo 2020 in Humor

Tags: #badday #bruttagiornata #happy #sad #smile

0

Chi non ha mai avuto una brutta giornata?


Sicuramente tutti anche se le brutte cose come anche quelle belle sono molto soggettive per cui ognuno di noi ha una visione e concezione diversa di "brutta giornata":

per alcuni una giornata diventa brutta se la squadra del cuore perde la partita, per altri se a scuola si prende una nota, per altri ancora se si perde il treno e o se si riceve un rimprovero dal proprio capo, se inizia a piovere e non si ha l'ombrello, se la macchina non parte, se si cade in mezzo alla folla.


Insomma le brutte giornate possono arrivare in un attimo, sono dietro l'angolo, quando meno te lo aspetti ecco che loro spuntano come i funghi e stravolgono tutte le altre 23 ore già vissute.


Non cullarti mai sugli allori, non credere che se fino ad un certo momento tutto è andato bene o in maniera relativamente normale ciò non possa essere completamente annullato e devastato da lei, dall'innominata.


Come detto per ciascuno ciò che può rendere la giornata "brutta" o anche pessima, orrenda, catastrofica, impossibile, terribile, schifosa, nauseante, assurda, invivibile è diverso ma in tutti i casi la conseguenza è sempre la stessa: umore a terra, stress, nervosismo, rabbia, tristezza , delusione, lacrime, insoddisfazione, sensazione di ingiustizia.


Purtroppo noi non abbiamo molto potere sul destino , su quello che accadrà tra pochi secondi o tra pochi giorni , non possiamo prevedere il futuro né cercare di controllare tutto affinché non ci capiti nulla di male, non è proprio possibile.


Assodato questo è necessario quindi rassegnarsi ma non arrendersi quindi ci si rimbocca le maniche e si cerca un modo non tanto di evitare che tutto questo accada, anche perché come detto e come sappiamo non potremmo mai riuscirci, ma un modo per superare una brutta giornata o meglio un modo per trasformarla nuovamente in una giornata degna di essere vissuta.


Per fortuna o sfortuna, dipende dai punti di vista, una giornata è composta da solo 24 ore per cui considerato che per almeno 8 di queste dormiamo (magari, se ne dormo 6 è tanto) , e per almeno 4 di queste mangiamo, ce ne restano 12 in cui almeno altre 2 sono destinate a doccia/bagno/vestirsi /pettinarsi quindi arriviamo a 10 , se siamo persone sportive almeno un'altra ora la dedichiamo all'attività fisica (se sei un nerd allora ai videogames, fumetti o quello che fanno i nerd), dunque ne rimangono 9.


Abbiamo esattamente 9 ore per far sì che la nostra giornata sia comunque bella e positiva, ricca di cose nuove o no ma sempre e comunque allegre e gioiose, abbiamo 9 ore per riuscire ad andare a letto con il sorriso e senza broncio, a cuor leggero e senza magone, con la mente fresca e priva di pensieri negativi e di ansia.


In quelle 9 ore dobbiamo essere noi i padroni, dobbiamo essere noi quelli capaci di prendere il controllo e di confermare o ribaltare la situazione (cit.)

In quelle 9 ore siamo noi che decidiamo se continuare ad essere arrabbiati per la lite avuta con il nostro collega o smettere di pensarci e dedicarci ad altro; siamo noi che possiamo e dobbiamo scegliere se piangere per il ragazzo che ci ha mollato o chiamare un'amica per farci due risate; siamo sempre e solo noi che se vogliamo possiamo lasciarci alle spalle gli insulti dei clienti, le parole poco carine del capo, il carico di lavoro, la macchina che non parte, il treno che abbiamo perso, la pioggia che ci ha infradiciato, le scarpe bianche nuove appena messe e già sporcate ,la bolletta dell'elettricità che manco se vivessi negli studi di Barbara D'Urso pagheresti così tanto e cominciare a sorridere di nuovo pensando ad altro e cercando di recuperare le ore che restano alla conclusione della giornata.


Non possiamo prevedere il futuro ed evitare che le cose accadano ma quello che possiamo sicuramente fare e che dobbiamo fare soprattutto è rimediare, prendere delle decisioni, fare delle scelte e non arrenderci al destino.


Era destino che la fetta di pane e Nutella che aspettavo da tutto il giorno cadesse sul pavimento a faccia in giù? Benissimo e allora io me ne faccio altre 2 !

Era destino che oggi il lavoro fosse uno schifo? Ottimo, allora domani andrà meglio e nel frattempo mi guardo un film che adoro così mi distraggo e sono contenta.

Era destino che oggi piovesse e io non avessi con me l'ombrello? E chi se ne frega, tanto non lo porto nemmeno quando so per certo che pioverà!


Insomma, la vita è nostra quindi possiamo lamentarci quanto vogliamo delle sfighe che ci circondano ma ognuno di noi può fare qualcosa per rendere queste sfighe meno catastrofiche e più divertenti, più leggere. Non c'è niente di irrimediabile, le soluzioni ci sono, basta solo volerle cercare.


Godiamoci la vita anche quella fatta di brutte giornate perché chissà che alla fine anche quelle non diventino delle giornate meravigliose?


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×