scrivi

Una storia di Adaclaudia

Questa storia è presente nel magazine Dal Verbano-Cusio-Ossola alle Langhe-Roero

Alpinisti ciabattoni

tu chiamale, se vuoi, recensioni.

75 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 17 marzo 2021 in Recensioni

Tags: #Alpinisti-ciabattoni #Cusio #Lago-d-Orta #Orta

0



Alpinisti ciabattoni

di Achille Giovanni Cagna



Le rive del Lago d’Orta fanno da fondale alla commedia umana dei personaggi che ricondurrei alle seguenti tipologie umane: residenti e villeggianti.

Tra i villeggianti la coppia dei coniugi Gaudenzio e Martina Gibella, droghieri in quel di San Nazzaro in Lomellina, mi ricordano una di quelle palline da flipper.

Come nel percorso del flipper la pallina d’acciaio va a toccare facendo accendere i pulsanti su cui va a cozzare così loro, palline d’acciaio, non si lasciano scalfire dai paesaggi o dalle persone che incontrano; l’unico interesse che sembrano avere e che li entusiasma è solo il cibo che riescono a mettere nel piatto.

Al capitolo terzo una vera perla l’incontro con il professore che, dopo aver condiviso le gioie della tavola e della conversazione, ha iniziato a farli partecipi dei risultati delle sue ricerche storiche svolte in loco.

Mentre il professore imperversa con la sua conoscenza puntuale, fini argomentazioni espresse con precisa terminologia la coppia scoppia.

Lui pur di ascoltare se stesso che declama, con un’ebbrezza di compiacimento, dimentica i suoi interlocutori e va avanti inesorabile.

Sul finale una speranza di riscatto nel proposito di riconoscere come nipote il bimbo, nato da una relazione del figlio con una sfortunata ragazza del loro paese, morta nel dare alla luce il piccino.

Orta
Orta
Orta
Orta
Orta
Orta

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×