scrivi

Una storia di Maricapp

Questa storia è presente in 2 magazine

Guarda tutti

Giulia

Nata di marzo - Prima parte -

199 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 27 febbraio 2019 in Storie d’amore

0

In una fredda mattina di febbraio dei primi anni di questo nuovo secolo, mi fermai davanti al cancello del vecchio Canile di Milano. Era una grande struttura bisognosa di ristrutturazione, ai margini della periferia nord.


Ero emozionata: non ero mai stata in un canile, non avevo mai scelto un cane perché i due precedenti mi erano stati regalati e l’idea di preferire un essere bisognoso di affetto ad un altro mi inquietava.


Passai davanti a gabbie che ospitavano vecchi cani impauriti, altri decisamente arrabbiati, poi mi fermai davanti ad un enorme naso umido e due occhi dorati che mi dicevano: "Guardami, dietro questa massa enorme c’è una creatura che ti potrebbe amare".

Era davvero mastodontico: un alano molto cresciuto e leggermente mischiato con chissà chi. Allungai la mano tra le sbarre, senza dar retta ad un incaricato del canile che mi invitava a non farlo, ed il gigante poso’ il muso sul mio palmo. Ma realizzai che non potevo portarmi a casa un cavallo, avrei avuto bisogno non di un appartamento ma di una fattoria. Non che mi sarebbe dispiaciuto, ma no, non potevo.

Lascia li’ il cuore ed ancora oggi, dopo quasi 20 anni rivedo quegli occhi e mi sento in colpa.


Incontrai una pittbull sospettosa ed incinta che veniva da una brutta storia di combattimenti ed una rottweiller spaesata perché appena trovata vagante sulla circonvallazione.

Poi il mio sguardo si poso’ su un boxer tutto nero con grandi occhi altrettanto neri e per niente rassicuranti. Se ne stava in disparte, in un angolo, seduto dritto a sfidarmi.

Si’ la mia prima impressione fu di sfida.


Arrivo’ un ragazzo, apri’ la gabbia, gli mise collare e guinzaglio e se lo porto’ via. Proseguii nel mio giro e devo confessare che me li sarei portati tutti a casa: grandi e piccoli, mansueti ed aggressivi. Tutti.


Poi il boxer nero torno’. Il ragazzo mi sorrise e racconto’ la sua storia. Del cane, intendo.

Lei, era una femmina, era stata trovata qualche mese prima sui Navigli. Viveva li’, in un angolo riparato dal traffico e dagli sguardi degli uomini. Pareva aggressiva ma, se la si conosceva solo per un momento, era la boxer piu’ dolce di questo mondo. L’aveva chiamata Giulia, come la sua ragazza che viveva lontana, in un posto di mare. Lui era un obiettore di coscienza che faceva il servizio civile li’ nel vecchio canile.


Intanto Giulia mi si era appoggiata contro e mi annusava come fossi stata un succulento pezzo di manzo.

Non ero convinta. Il ragazzo praticamente me la stava raccomandando, ma io tentennavo. Risolse la situazione mia figlia che mi impose: o lei o nessuna. Va bene, scegliemmo lei!

Il ragazzo ci accompagno’ agli uffici per le pratiche necessarie e poi all’auto, abbraccio’ Giulia e comincio’ a piangere silenziosamente.

Anche quello era amore: separarsi da una creatura a cui era molto affezionato per garantirle un futuro che sperava migliore mi parve un bellissimo gesto. Mi commosse.


Lei, nera ed inquietante, per quindici giorni mangio’ e dormi’ e se ne stette buona senza guardare nessuno, indifferente alle lusinghe della famiglia.

Poi in un giorno di sole in cui me ne stavo seduta sulla panca del terrazzo a leggere, si avvicino’, agilissima salto’ su vicino a me, si sdraio’ ed appoggio’ la bella testa sulle mie gambe. La accarezzai e lei li’ inizio’ molto rumorosamente a fare le fusa. Ed a sorridere.


La nostra lunga storia d’amore comincio’ proprio in quel momento, sotto il sole di marzo.




Giulia
Giulia

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×