scrivi

Una storia di LuisaMarino

AVVENIMENTI PARANORMALI

Una ragazza con i suoi genitori dormivano, all’improvviso si sentono rumori fortissimi. L’oscurità dopo 2 minuti se ne andò.

272 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 04 novembre 2018 in Horror

0

Ore 2:30 di una notte d’Agosto:piena estate.I miei dormivano profondamente ed io pure. Tutti riposavamo in un’unica stanza molto grande con un letto matrimoniale è uno singolo. Le veneziane della casa al mare erano tutte abbassate e fuori non c’era nulla, solo una grande distesa di terra e erbacce. Dall’altra parte della nostra abitazione vi era una piccola strada che ci collegava alle case dei vicini. In realtà non si potevano considerare “vicini” perché le case erano abbastanza distanti le une dall’altre. Quindi eravamo parecchio isolati. Tanto meglio:poca confusione è molto relax. L’ideale quando si vuole villegiare durante le vacanze estive. Ma qualcosa quel giorno turbó la nostra tranquillità. Nel silenzio di quella notte, un rumore fortissimo fece svegliare bruscamente mia madre. Preoccupata, chiamò prima mio padre, poi me. Lo ricordo come se fosse ieri. Una volta resomi conto della situazione,cominciai ad avere un po’ di paura. Era come se un enorme camion si fosse fermato dentro casa nostra con il motore sempre acceso. <<Molto strano>>disse mia madre, incuriosita da quello che stava succedendo li dentro <<normalmente la spazzatura viene raccolta più tardi ! >> Ad un tratto tutto tacque . << Bene >>pensai <<adesso posso dormire tranquillamente >>. Non appena poggiai la schiena al materasso, quello strano rumore ritornò e si fece più intenso, sempre più crescente,sempre più vicino. Improvvisamente, la grande stanza da letto si illuminò d’arancione. Era una luce costante, non intermittente, proviene probabilmente dal tetto della camera,perché i forellini delle veneziane erano troppo piccoli per un fascio luminoso di quelle dimensioni. Quella luce non poteva provenire da qualche camion fermo in quella zona,anche perché all’esterno della camera da letto, come detto prima, vi era un’enorme distesa terra e erbacce. Era chiaro:qualcosa o qualcuno ci stava spiando. Non sapevamo come, ma lo stava facendo. Così mio padre, incredulo, rimase per un momento immobile, quasi paralizzato da quello che stava succedendo. Poi decise di alzarsi per andare ad aprire la porta della stanza da letto, che fino a poco prima rimase chiusa. Ma quel rumore si fece ancora più forte, crebbe d’ intensità e divenne quasi assordante. Papà ritornò al letto, spaventato. Il tutto durò circa 2 minuti, più quella strana luce sparì di colpo, l’oscurità avvolse di nuovo la stanza e quel suono cominciò a decrescere, fino a quando non divenne impercettibile. Ancora oggi io e i miei genitori non riusciamo a spiegare cosa successe davvero quella notte.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×