scrivi

Una storia di lisa1949

Cantando e sognando

coincidenze e ispirazioni

237 visualizzazioni

4 minuti

Pubblicato il 16 dicembre 2018 in Altro

Tags: #Blu #Musica #scrivere #Sogno #Volare

0

Cantando e sognando.



“Penso che un sogno così non ritorni mai più, mi dipingevo le mani e la faccia di blu…”

Stavo canticchiando la canzone più famosa del mondo intenta a sfaccendare. Volevo finire presto per dedicarmi al mio hobby preferito.

Cercavo l’ispirazione per mettere giù qualcosa di diverso, poichè desideravo partecipare a un concorso per scrittori esordienti. Cerca e cerca, nella mente non trovavo che la nebbia più fitta.

“Chissà da cosa sarà stato ispirato Domenico Modugno, l’autore di questa canzone?” Pensavo dentro di me, quando a un tratto mi fece sobbalzare un rumore assordate: cosa diavolo era successo?

Una folata di vento potentissima si era catapultata dentro casa, facendo sbattere porte e finestre contemporaneamente. Mentre cercavo di evitare il frantumarsi di qualche vetro, chiudendo un battente vidi svolazzare fuori un insieme di appunti, posati poco prima sulla mia scrivania: «Ma por.. miseriaccia!»

Mi buttai sui pochi fogli rimasti, mentre gli altri si libravano come foglie al vento, trasportati da insoliti mulinelli d’aria. Pareva non volessero cedere alla forza di gravità, quindi salivano, anziché scendere.

Dall’ultimo degli otto piani di un palazzo succede che gli spostamenti d’aria causino effetti strani. Intanto la folata girovagava all’interno dell’appartamento come stesse cercando qualcosa. In preda alla agitazione, cercavo di evitare altri danni, rincorrendo tutto quanto fosse frantumabile. Bloccai le porte interne, ma non riuscii ad avvicinarmi alla finestra dello studio, quella da dove i miei appunti svolazzavano liberi verso l’infinito. Li osservavo, erano lì, visibili e sempre più piccoli.

A volte, parevano lampadine accese, effetto del riverbero dei raggi di sole.

“E volavo, volavo felice, più in alto del sole e ancora più su, mentre il mondo pian piano spariva lontano laggiù, una musica dolce suonava soltanto per me…”

Alla radio continuava a suonare la canzone e mi sembrò una situazione grottesca. Ero sola e non riuscivo a gestire questa cosa secondo la mia volontà.

D’improvviso realizzai che la mia avventura sembrava essere quella di chi aveva scritto il testo della canzone: gli elementi c‘erano quasi tutti. Il vento, il sole i fogli che si innalzavano come tanti minuscoli aquiloni. Addirittura la musica, sembrava la colonna sonora delle azioni che svolgevo: che strana combinazione!

“Volare, ohhh, cantare, oh, oh, ohhh…”

“Patapam! Ossignore, cos’era successo ancora? Nooo, non ci posso credere!”

La folata di vento aveva riaperto un battente della finestra, spaccando a metà il toner lasciato sul davanzale, pronto a sostituire quello esaurito della stampante e già libero dal suo involucro. Mi precipitai per evitare il peggio, troppo tardi: schizzi sulle tende e sui vetri. La situazione, imbarazzante, stava prendendo forma nella quasi metà della cartuccia, che ignara precipitava al di sotto. Seguivo il suo viaggio verso il basso osservando eventuali bersagli, ormai diventati piccoli piccoli, in fondo alla strada. Pregavo non cadesse addosso a qualche malcapitato. Cosa avrei potuto dirgli: «É colpa del Mimmo Nazionale? Che il Signore lo abbia in gloria!»

Passai la mano sulla fronte per allontanare i capelli dagli occhi: umido. Mi osservai le mani e, da non crederci: blu, tutto intorno era blu. Gli schizzi sulle tende, il davanzale della finestra. Piccoli puntini avevano tempestato la parte più bassa dei vetri e, più cercavo di risolvere la situazione, più il blu acquisiva spazio. Stava padroneggiando dentro casa e già immaginavo la scena, qualora un passante fosse stato colpito da quella specie di subdolo proiettile indaco, capace di scatenare una battaglia condominiale.

Il parquet pareva aver riscontrato il morbillo, ma con tonalità bluastre. Le punte e le suole delle scarpe ne erano intrise, sono stata costretta ad abbandonarle sul posto per non inondare il resto della casa di impronte color oltremare.

Che dire? In un quarto d’ora, una canzone e una folata di vento, mi avevano letteralmente stravolto la giornata.

La radio cominciò a replicare “Meraviglioso” probabilmente stavano commemorando la morte del cantante. Magnifica la canzone, tuttavia pensavo: “Sì, davvero meraviglioso, dopo quello che mi è successo. Che disastro!”

Fortunatamente nessuno aveva avuto l’ardire di suonare il citofono: non giunsero lamentele, fino a quel momento perlomeno.

Spossata da un momento di ordinaria follia, sprofondai nella poltrona dello studio. Così com’ero conciata, non avevo la forza di muovere un dito.

Un trillo e sobbalzai dalla poltrona. Dovevo essermi appisolata, sentii le chiavi girare nella toppa e mio marito chiamare i mio nome: «Luisa, dove sei?»

Poi si affacciò nella stanza: «Stavi dormendo eh? Ti ho colto in flagrante!» Sorrideva. Lo osservavo basita: possibile che non si rendesse conto del caos che c’era dentro lo studio?

«Sei strana, sei ancora addormentata?» mi chiese «No, è che non sai cos’è capitato!» Mi guardavo intorno, non vedevo niente di anormale. Le finestre erano chiuse, la radio stava ancora suonando “Meraviglioso”. Ispezionai le mani: pulite.

Mi diressi alla finestra, guardando “il mondo lontano laggiù”. Non era cambiato niente.

Lo specchio del bagno rifletteva una matura signora dagli gli occhi un po’ stralunati di chi si è appena svegliato. Scoppiai in una sonora risata.

«Ho sognato di cantare Volare ed è successo un casino.» Buttai le braccia al collo del mio beneamato cantando “Volare, oh, oh…”

Lui riuscì solamente a commentare: « Sei tutta stramba, tu: chi ti capisce è bravo.»

Come dargli torto?


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×