scrivi

Una storia di Massimo_Centorame

Buio

Una volta dentro, come pensi di uscirne?

86 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 25 settembre 2019 in Thriller/Noir

Tags: #buio #giallo #mistero #noir #paura

0

Cosa ci faccio qui dentro? come ci sono finito? L'ambiente è buio, più scuro della pece. L'assenza di finestre, fessure o insignificanti spiragli di luce mi stringe la gola fino a soffocarmi.

E perché non riesco a udire niente?! A malapena avverto qualche sporadico rumore provenire da chissà quanto lontano.

Una finestra, ci deve essere una finestra, dannazione! È talmente buio che non riesco a notare la differenza tra occhi aperti e occhi chiusi.

Da quanto tempo sarò qui? Forse un'ora, forse un giorno o magari un mese. Non fa molta differenza saperlo visto che non riesco a muovermi senza sbattere contro qualcosa di inanimato.

Mi fermo un attimo a riflettere: se ci sono entrato, devo poter uscirne.

Procedo a piccoli passi lenti, per non inciampare. Urto il naso. Una superficie perfettamente liscia di metallo freddo. Deve essere la porta!

Vado a tentoni cercando di trovare la maniglia. Eccola, la tiro giù. Maledizione, è chiusa dall'esterno!

Nessuno spiraglio di luce, né dallo spioncino né dalla battuta inferiore.

Torno indietro procedendo adagio. Improvvisamente una sostanza fluida e terribilmente fredda mi bagna. Mi avvicino per capire. È acqua.

Non mi fido, ma la secchezza delle fauci, primo sintomo di una futura disidratazione, spazza via la mia diffidenza e bevo.

Se c'è da bere forse ci sarà anche da mangiare. Mi aggiro per questo nefasto ambiente, anteponendo il terzo dei cinque sensi: l'olfatto. Ma le mie narici raccolgono solo l'odore acre di pneumatici nuovi e di muffa.

Devo andarmene da qui! Voglio tornare a scaldarmi sotto i raggi del sole. Stendermi sull'erba e sentire il suo profumo fresco. Voglio tornare a essere accarezzato dal vento. E voglio... aspetta, cos'è questo tacchettare? Lo sento sempre più vicino, sta vendendo verso di me, è dietro questa porta.

Un giro di chiave, poi un altro. La porta inizia lentamente ad aprirsi e un timido raggio di luce colpisce un punto a caso sul pavimento. Viene spalancata e mi trovo inondato da un bagliore abbacinante.

Chiudo gli occhi, non sono più abituato a tollerare tutta quell'intensità. Li riapro, piano, affinché si possano adattare gradualmente a quella nuova situazione.

Davanti a me una donna con una ciotola in mano e sul pavimento la sua ombra stirata.

Adesso qualcuna mi ascolta, adesso finalmente posso miagolare.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×