scrivi

Una storia di Omarcastellotti

LUI

............

47 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 12 aprile 2021 in Humor

0



Si poteva parlare di Lui in molti modi.

Qualcuno lo definiva un canguro, qualcun altro una medusa, chi addirittura una barca in mare aperto e chi una vasca da bagno che cammina in centro città.

Lui era Lui e nessuno meglio di Lui poteva dire chi fosse.

Ora Lui vi racconterà di Lui, di sé stesso e di quando si è accorto di essere un Lui in mezzo a milioni di altri Lui. Un Lui in mezzo a loro.

Quando nacque si rese conto di essere unico.

Nacque da solo, senza l’aiuto di nessuno. Semplicemente decise di nascere, d’ incarnarsi in questa dimensione.

Scelse un ventre di donna, entrò ed aspettò nove mesi.

Furono nove mesi molto belli e molto caldi. Approfittò di quel tempo per pensare, per progettare gli anni futuri.

Decise di nascere in California. Tra le varie opzioni scelse Los Angeles per il clima. Amava il caldo.

Nacque in una clinica privata il giorno in cui nacque, lo stesso giorno in cui successivamente compì gli anni.

Quando nacque in realtà non era nato poiché era sempre stato. Era sempre stato ed era sempre nato.

Lui pochi anni dopo essere arrivato su questo pianeta decise d’ iscriversi in una scuola elementare per sperimentare le limitazioni della società degli altri Lui che erano loro.

A scuola la sua creatività e spontaneità furono rinchiuse in sbarre invisibili con la scusa dell’educazione.

Lui già lo sapeva e stette al gioco. Si divertì a far finta di dare ragione agli adulti.

Poi Lui crebbe e divenne giovane e poi adulto. Era sempre Lui, solo il suo corpo si era modificato.

Sperimentò la gamma completa di emozioni e di sensazioni con tutte le varie sfumature. Sperimentò la materia in tantissimi modi differenti. Fece esperienza delle esperienze e le esperienze gli insegnarono che tutto cambia ma che Lui rimaneva Lui.

Finché passarono gli anni e Lui decise che era il momento di cambiare aria. Decise così di fare esperienza della morte.

Si sdraiò sul letto e morì alle 7:15 di mattina.

Alle 7:16 era ancora Lui.

La giornata era iniziata.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×