scrivi

Una storia di Chaimaa

Questa storia è presente nel magazine la vita ci insegna a sognare...

UNO SGUARDO

la mia vita nel tuo cuore.

203 visualizzazioni

5 minuti

Pubblicato il 04 gennaio 2019 in Storie d’amore

0

E' appena iniziata la primavera. Sono sbucciati i primi fiori e gli uccellini cinguettano felici di questo nuovo clima sereno. Quel poco sole è riuscito a riscaldare i cuori delle persone che in inverno gelavano e si stecchivano come i rami degli alberi. L'odore del caffè la mattina è una tra le cose più belle al mondo. una sensazione di calore, armonia e pace come una solitudine meravigliosa in cui puoi pensare e riposare e non come quella in cui ti senti depresso, quasi morto. Mi alzo, bevo il mio caffè ed esco...esco ad avventurarmi in un'altra sfida:quella della vita. Essa è un dono, un dono prezioso. Bisogna viverla liberamente e spensierati, almeno è ciò che ho imparato leggendo le favole da bambina. Ora quei racconti mi hanno abbandonata a una vita in cui i tuoi sogni non possono realizzarsi con un semplice incantesimo, e in cui devi lottare per vivere, per respirare. Continuo a cercare lavoro nonostante ho la consapevolezza che quello che vorrei fare non sarà facile. Ma non perdo speranza. Vorrei fare molto ma questa condizione mi blocca. Non credevo che dopo tutti quelli studi fatti la mia vita sarebbe stata cosi. I miei genitori hanno fatto l'impossibile affinché io possa laurearmi. Studiavo a lume di candela poiché le tasse universitarie non lasciavano ai miei genitori di poter pagare le bollette della luce. Nell'università mi trovavo bene. Certo non vestivo di marca come i miei coetanei ma almeno mi rispettavano. Anche i professori. Ero molto brava. Mamma e papà erano e mi dicono ancor oggi che sono fieri di me. Ecco perchè voglio lavorare . Per loro, per ringraziarli.

.............

Finalmente mi chiamano per un colloquio di lavoro. Questa impresa , che m'ha chiamata, è molto popolare. Ha molte relazioni con paesi europei ed extraeuropei. Mi hanno chiamata in quanto hanno bisogno di una segretaria con un ottima conoscenza dell'inglese e francese. Io adoro le lingue. Conosco perfino l'arabo oltre allo spagnolo e tedesco. E' davvero bello poter capire la gente che è diversa da te quando parla e non conosce la tua stessa lingua ma tu comprendi la sua.

.............

Arrivo in autobus. Ho la patente ma non ho la macchina. Speravo che dopo la laurea potessi comprare una macchina dopo aver subito lavorato. Sogni inutili. Bisogna non fidarsi tanto dei sogni ma della realtà, quella che si vive giorno per giorno. Non dico di non sognare , anzi io sogno tantissimo: quello che vorrei spiegare è che non bisogna legare la tua vita ai tuoi sogni perchè potresti rimanere illuso.

.................

Prendo l'ascensore. Sono troppo agitata che non ho fatto caso alle persone che vi erano insieme a me. Mi riprendo un attimo, alzo lo sguardo ed incrocio i suoi occhi. Mi perdo. Una strana sensazione mai provata in precedenza. Sento ora caldo ora freddo. Non mi sento più me stessa. Gli sorrido e riabbasso lo sguardo. I minuti non passano. Sembrano essersi bloccati. Ripenso a quel istante appena passato e a quella strana sensazione. Strana ma sublime . L'ascensore si ferma, ci guardiamo, sorridiamo per salutarci e ognuno prende la sua direzione. Lui sapeva dove andare io invece mi sento persa forse perchè non conosco il posto o forse ancora non sono tornata nel mio mondo dopo aver vissuto per un istante un mondo magico. chiedo aiuto a una donna alla reception ed ella mi indica l'ufficio. mi dirigo, faccio un bel respiro e busso alla porta. sento una voce che dice avanti. apro ed entro. ancora una volta quegli occhi mi colpiscono. "non ci credo sei tu?" dice lui. io non capisco come al solito perchè non mi sento più in grado o di parlare o di comprendere e le mie gambe non riescono più a reggermi in piedi. è iniziata la primavera anche per me ed il sole ha riscaldato anche il mio cuore che si era gelato.

..............................

Sono passati gli anni e ricordo questa storia come se fosse ieri. lui è accanto a me che dorme. io lo guardo e non riesco a immaginare la mia vita senza di lui. ogni volta mi viene da ridere quando ripenso a me, si a me che si perdeva ogni volta che i suoi occhi incrociavano i miei.

...............

ho ricevuto una telefonata da un certo dottore, non quello di famiglia. mi chiese di lui e mi disse di comunicarli di richiamarlo al più presto possibile.

mi servono dei documenti per poter completare un lavoro. li cerco nella sua valigia. prendo dei fogli che on hanno niente a che fare con il lavoro. sono degli esami, cardiografie... lui è gravemente malato, a quanto ho capito dalle diagnosi. ha bisogno di un nuovo cuore.

mi gira la testa. sono confusa. le lacrime mi scendono. perchè non mi ha detto tutto ciò.

avevo infatti una strana sensazione. anche se sorrideva i suoi occhi dicevano altro. quando chiedevo che cosa è successo mi diceva che fosse solo lo stress del lavoro.

dopo giorni, oggi lo vedo felice.

...................

lo sento parlare al telefono: hanno trovato un cuore per l'intervento. gli ho annunciato che questa settimana sarò in viaggio per visitare la mia famiglia. lo saluto con un forte abbraccio come un addio. non ci rivedremo mai più.

gli donerò il mio cuore. ho già preparato tutto, anche se in maniera illecita. mi farò ricoverare e morirò un ospedale. il suo medico sa tutto e mi ha promesso di non dire nulla.

cosi la sua vita non cesserà.

................

Lui vivrà con il mio vero cuore in modo che sarò sempre accanto a lui. Neanche la mia vita cesserà...continuerò a vedere il mondo con i suoi occhi .


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×