scrivi

Una storia di OrnellaStocco

Questa storia è presente nel magazine PassioNataMente

Salviamo i libri

241 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 16 febbraio 2019 in Altro

Tags: #libriscalacielo

1

E se mettessimo tutti i libri scritti negli ultimi duemila anni appoggiati sulla terra come preziose tessere di mosaico. Miliardi di libri. Miliardi di parole.
E mai una frase identica ad un'altra. Miracoloso.
La terra verrebbe completamente coperta. Protetta. Perfettamente.
Vestita come un abito. Il più bello.
E se invece mettessimo tutti questi libri scritti in tutte le lingue del mondo uno sopra
l'altro, verso il cielo.
Quando si dice toccare il cielo con un dito.
Una scala altissima che ci porterebbe fino alla luna.
L'uomo si differenzia dai nostri adorati animali perché sa scrivere. Che è meglio ancora di parlare. E ha iniziato fin da subito. Nelle grotte, lì a grattare, a incidere magari usando
l'artiglio di un predatore. Come fosse una penna.
Che cosa fantastica la scrittura.
Quante frasi d'amore sono state scritte, quanti poemi e romanzi e storie. Esprimere lo stesso concetto in modo sempre diverso.
Quanta fantasia. Quanto ingegnoso meccanismo letterario.
E scriviamo sempre di più, in qualche modo stiamo regredendo. Parliamo sempre meno e scriviamo sempre di più. Quella che ci sembra tecnologia in realtà ci sta portando indietro.
Scriviamo messaggi. I telefoni non serviranno più. Per strada la gente passeggia con in mano uno smartphone.
Alla stazione in attesa di un treno si leggeva un giornale. Un libro.
Questo succedeva non molto tempo fa.
I libri spariranno. Salviamo i libri.
Facciamo scale per farci portare su e toccare le stelle.
Meglio parlare o scrivere?
Potrei rimanere senza parola per il resto della vita ma non potrei mai stare senza tenere la penna in mano. Ora lo so.
Meglio scrivere.
Meglio rubare una mela o un libro?
Leggere è cibo per la mente.
Meglio un libro.
Continuiamo a scrivere. Salviamo i libri.
Ci porteranno in alto. Ad accendere le stelle. Sarà un mondo più luminoso. E più caldo.
Chi salverà i libri? Chi ne impedirà l'estinzione che ci condannerebbe a vivere in un mondo senza luce. Senza vita?
L'umanità.
Noi tutti abbiamo il dovere morale, sociale di impedire che le menti non vengano più nutrite.
Leggiamo di più. Leggere un libro è un’avventura, un sogno, un desiderio.
L'umanità ha una grande opportunità, quella di riscattarsi dalla scarsa attitudine alla lettura.
Salviamo i libri. Salviamoci. Salviamo la cultura. Scriviamo fiabe e romanzi e poesie.
E poi leggiamole ai bimbi queste fiabe.
E sorriderà un anziano se a lui dedicheremo una poesia.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×